Inventarsi un lavoro appassionante

Fateci coraggio!
Ma sul serio avete intenzione di sorbirvi i drammi di centinaia di persone? beh ecco il mio (nostro)
Siamo una coppia di neolaureati in filosofia che dovrebbero inserirsi nel "mercato del lavoro" (in uno dei periodi peggiori della storia economica dell'occidente) ma che non hanno molta voglia di farlo; così anziché emigrare al Nord (siamo di Ragusa)e vendersi alla prima azienda che capita rinunciando a vivere per una manciata di euro al mese, abbiamo deciso (almeno per il momento)di rimanere qui campicchiando con quello che crediamo sia l'unico lavoro che siamo disposti a svolgere: le lezioni private (l'insegnamento pubblico l'abbiamo collocato nel cassetto dei sogni irrealizzabili). Speriamo che col tempo questa attività possa diventare una occupazione a tutti gli effetti, ma tutti attorno ci assillano dicendo che dobbiamo trovarci un vero lavoro - ovvero un lavoro stabile e a tempo pieno (un suicidio in pratica) altrimenti moriremo di fame. Così chiediamo a voi un po' di incoraggiamento. Ce la faremo vero? Si può campare anche con un lavoro che ti lascia qualche ora libera al dì per coltivare la propria testa vero? In fondo seguendo i dettami della decrescita non servono molti soldi per vivere no?
Grazie per l'attenzione e buone feste.
Da Ossidia il 26/12/2008 -

2 giovani neolaureati in filosofia?!? Ma perchè non diventate
MILIARDARI?
Carissimi,
avete l'aria simpatica e intelligente. La lettera è scritta in ottimo italiano, è sensata, chiara e sintetica.
Quindi il parere dei 72 saggi di alcatraz che ho rapidamente consultato in proposito, è molto semplice: ci sarà sempre bisogno di lezioni private fatte da persone capaci.
Potete benissimo viverci agiatamente.
Se volete innalzare il vostro tenore di vita potete effettuare un paio di operazioni.
1) Organizzare in modo dinamico la fornitura delle lezioni.
Ad esempio via skype, in videotelefonata. E' una proposta che non esiste in rete e sarebbe molto interessante per studenti che altrimenti dovrebbero sobbarcarsi lunghi viaggi per andare a lezione. Ma potrebbe anche essere interessante per manager che hanno bisogno di preparare esami universitari e poco tempo.
2) Allargare il campo d'azione.
Se osservate l'insieme delle vostre competenze (quello che sapete) sicuramente vi accorgerete che potete dare informazioni anche su campi diversi dalla filosofia.
Da tempo sogno l'esistenza in Italia di un servizio simile a quelli anglosassoni che fornisca INFORMAZIONI.
Tu telefoni o mandi una mail e dici cosa vuoi sapere. se è una cosa semplice te la danno subito e paghi un fisso, se è complicata ti dicono entro 24 ore quanto costerebbe avere l'informazione che cerchi. A volte ci sono aziende che appaltano a questi centri informativi ricerche da decine di migliaia di euro. La capacità di risposta del CENTRO INFORMATIVO dipende dalla rete di specialisti che ha connesso. Noi abbiamo questa rete. Quel che manca è la persona che si sobbarca la gestione di un simile progetto, tecnicamente notevole, nel quotidiano.
Un mio amico è uno specialista del fotovoltaico a livello internazionale. E' stato contattato da un CENTRO INFORMATIVO che gli da 150 dollari per offrire un report telefonico a manager che vogliono sapere che succede nel settore fotovoltaico. Anche questa è un'ipotesi interessante.
Non vendere solo informazioni e ricerche ma anche CONVERSAZIONI.
3) Settore parallelo un servizio editoriale. ricerche per libri (io ne sarei immediato cliente), correzioni bozze, ecc.
4) Diversificare:
Se analizzate l'insieme delle vostre capacità sicuramente troverete che qualche passione che coltivate può diventare redditizia. Sai fare le torte? Sai ballare il cha cha cha? Sai fare massaggi? Se all'attività centrale di lezioni di filosofia affiancate altri servizi, e usate la rete delle vostre relazioni per farli conoscere, potete trovare fonti extra di reddito, senza cadere nella monotonia di fare sempre la stessa cosa.
E' una cosa che succede spesso tra chi vive in campagna. Alcune persone che lavorano a Alcatraz hanno ad esempio più attività tipo insegnante-massaggiatore-giardiniere, oppure insegnante-manager-venditore ambulante-conferenziere. Unire attività intellettuali e manuali aiuta poi a mantenere l'equilibrio psicofisico ed è una sicurezza reale e anche psicologica.
Spero di esservi stato utile e vi faccio i miei migliori auguri
buon Natale!
Da Jacopo Fo il 26/12/2008 -

:-o
Uau avete già risposto! E non con astratte consolazioni ma con consigli concreti (troppe c)! Vorremmo abbracciarvi.
Non vogliamo stancarvi, sappiamo che avete tanto lavoro, ma ci interessava approfondire la 3 operazione che ci avete consigliato, dove possiamo trovare ulteriori informazioni?
Vi vogliamo già bene.
Ossidia
Da Ossidia il 26/12/2008 -

Hai vinto un invito a pranzo per 2 persone!
venite a Alcatraz e ne parliamo.
Mandate una mail a info@alcatraz.it per specificare il giorno.
Siamo chiusi dall'11 gennaio al 30 marzo.
auguri
jacopo
Da Jacopo Fo il 26/12/2008 - 23:21

Grazie per l'invito ne
Grazie per l'invito ne riparliamo in primavera-estate quando avremo raccimolato qualche soldo per il viaggio :-)
Ossidia
Da Ossidia il 27/12/2008

Commenti

Io sono uno lavoratore-specializzando in filosofia. Attualmente mi mantengo con lavori informatici e qualche collaborazione.  L'informatica e le consulenze sono sempre state il mio (piccolo) lavoro, ma mai il mio oggetto di studio universitario. Strano no?

Ho scoperto leggendo il consiglio fornitovi dai saggi di Alcatraz che la mia attività corrisponde anche a quella del centro informativo. I miei conoscenti mi utilizzano sempre come consulente tuttologo (dalle consulenze tecnologiche alle fiscali alle informatiche, edilizie, sanitarie, ecc...). Io  sono curioso come un gatto e, se non ho le risposte, mi diverto a cercarle. Non serve sapere tutto. Basta sapere dove e come cercare o a chi chiedere. In questo sono ferrato. La mia attività però è a titolo gratuito e, sinceramente, non avevo mai creduto che si potesse professionalizzare.

Non avrei mai pensato neppure che in un settore parallelo a quello editoriale ci fosse spazio per un mercato. Davvero c'è chi cerca qualcuno che si occupi di ricerche per libri e correzioni di bozze? Le ricerche per libri sarebbero un'attività fantastica.

Insomma... se cercate qualche socio al nord... Io mi candido.

Il centro informazione sarebbe un bel progetto...

In bocca al lupo.

Melius: una vera e propria "investigratice" in ambito giuridico. Ho la possibilità di accedere a una notevole quantità di materiale, sia cartaceo (riviste, libri etc.) che informatico (cd rom etc.), sulle più disparate materie del diritto, e in particolare ambiente e rifiuti. Attività, allo stato attuale, non retribuita. Anch'io, come te, lo faccio a titolo di favore personale. Sarebbe davvero una gran cosa poter fare di questa nostra inclinazione a investigare nelle più disparate branche del sapere un vero e proprio mestiere!