Com'è esser figlio di Franca Rame e Dario Fo? Jacopo lo racconta in un libro e uno spettacolo

PERUGIA - Domenica alla Libera Università di Alcatraz Jacopo Fo proporrà in anteprima assoluta il suo nuovo spettacolo “Come è esser figlio di Franca Rame e Dario Fo”, in una prova aperta inserita nel programma della rassegna Immaginazione Festival (che prevede decine di eventi tra musica, teatro, pittura, scrittura e fotografia con ospiti come Stefano BenniMarco Baliani e GnuQuartet). L’attore, scrittore e fumettista ha deciso di racchiudere in uno spettacolo ciò che, in maniera più estesa, è finito nel nuovo libro che uscirà a settembre con lo stesso titolo (edito da Guanda, mentre lo spettacolo è prodotto dalla compagnia teatrale Fo Rame e distribuito da Corvino Produzioni). L’atmosfera che si respira nella struttura ricettiva sui generis fondata dallo stesso Fo tra Gubbio e Perugia ormai quasi quattro decadi fa appare perfetta per addentrarsi tra racconti e ricordi che cercano di fornire una risposta alla domanda che in assoluto gli è stata fatta più volte nel corso della sua vita: com’è esser figlio di Franca Rame e Dario Fo?

Jacopo Fo, da cosa è partita l’idea di scrivere il libro e farne anche uno spettacolo?
C’è un momento della vita in cui si tirano le somme, a una certa età, in cui ci si comincia a chiedere “come è andata?”. Io ho fatto tutto quello che ho voluto e ho avuto la fortuna di vedere che tante delle cose che abbiamo visto 45 anni fa si sono avverate. E’ una grande soddisfazione. Dall’energia rinnovabile alla comico terapia (perché era vietato andare nei reparti di oncologia per far ridere i bambini malati, ma all'epoca siamo riusciti ad attivare 600 clown di corsia e poi le cose sono andate per conto loro).

Quindi è un’insieme di sue esperienze reali?
Nello spettacolo ho cercato di mettere in ordine una serie di fatti che appaiono come un flusso di coincidenze pazzesche. Fatti incredibili, che ancora mi chiedo come sia possibile che siano accaduti. Sono successe cose non erano certo programmate. Dall’altra parte nel libro cerco di estrarre un metodo che possa servire anche ad altri.

Può spiegarci questo metodo?
Continua a leggere su Il Messaggero...

 

Categorie: