Dalla banalità del male alla banalità del mare