People For Planet

Abbonamento a feed People For Planet People For Planet
Aggiornato: 1 ora 52 min fa

Covid-19, sono finite le biciclette

Mar, 05/26/2020 - 10:45

“I fornitori hanno finito le biciclette. Da tempo li contatto senza risultati: tutto esaurito”, mi dice Antonella Pesenti di Fridabike, che vende cargo e biciclette a Milano. Ma anche l’usato è stato preso d’assalto, segno che – bonus o no – la gente ha bisogno di una bici, e ne ha bisogno adesso. “A parte che lavoro come non ho mai lavorato prima per mettere a posto le bici tirate fuori dalle cantine – mi dice il Ciclista di via Cagnola, sempre a Milano – ma anche il mio piccolo mercatino di bici usate è completamente esaurito e non c’è passante (siamo sotto l’Arco della Pace, indi sono molti, ndr) che non mi chieda se ho bici d’occasione”. Anche la catena Decathlon ha il reparto vuoto.

La Stazione delle Biciclette di Milano con una lunga fila fuori (foto Igor Moskvin, CriticalMass)

“La situazione seguita al lockdown – spiega Rossignoli, marchio meneghino storico a gestione familiare – sta sottoponendo a fortissimo stress la filiera di produzione e di approvvigionamento dei componenti, per cui – per esempio – ci troviamo ad aspettare 10-15 giorni per ricevere le selle da montare sulle bici. In giorni normali, sarebbero arrivate in due giorni. Per dare l’idea della situazione, il prestigioso marchio Bianchi, cui siamo legati da tanti anni, ha il magazzino semivuoto”.

400mila bici in più dell’anno scorso

È bici mania a Milano e speriamo sia davvero l’alba di un nuovo futuro. Complice il rimborso fino a 500 euro sull’acquisto di bici e monopattini. Inoltre, le città stanno progettando piani per la mobilità sostenibileincentivando l’uso delle biciclette e realizzando piste ciclabili: il nuovo codice della strada dà la precedenza alle bici. Questo ha portato a un vero e proprio assalto ai negozi, con le scorte in molti casi finite. Gli stabilimenti, quindi, devono produrre più che mai, vista la domanda in continuo aumento. Le previsioni parlano di 400mila biciclette vendute in più quest’anno rispetto al 2019.

Boom, bonus a parte

Bonus mobilità a parte, a incentivare l’acquisto della bici c’è anche altro. “Dalle prime indicazioni che riceviamo dalla rete dei rivenditori  sembrerebbe che l’incentivo medio erogato, che non può superare il 60% del prezzo della bicicletta, sia pari a 300 euro– spiega Piero Nigrelli, direttore settore ciclo di Confindustria Ancma –. Sulla base di questo e considerata la dote del provvedimento, al momento pari a 120milioni di euro, la misura potrebbe generare vendite per 400mila pezzi, tra biciclette elettriche e normali”. Ma a generare interesse non è solo il bonus: “fin dal 5 maggio, giorno della ripartenza, c’è stato un boom di richieste di riparazioni per bici che erano in cantina e che improvvisamente per molti italiani erano diventate il mezzo su cui contare per muoversi in sicurezza nella fase 2. E chi non ne aveva una, ha deciso di comprarla, anche senza incentivi”, che del resto sono stati decisi anche retroattivi a partire proprio da quella data.

Colpa del lockdown

Resta il dubbio che le aziende riescano a sostenere il flusso della domanda, visto il fermo di oltre due mesi durante il lockdown. “Fra qualche settimana potrebbe mancare il prodotto. Non averci permesso di produrre per due mesi avrà delle conseguenze”.

Cargo e mountain bike

Bici elettriche o a pedalata assistita, mountain bike, perché c’è anche tanta voglia di sport e di montagna, dato che le spiagge non sembrano riservare nulla di particolarmente allettante. E cargo. “Anche questo settore – finora decisamente di nicchia – si sta velocemente espandendo, continua Antonella Pesenti – e le famiglie o chi vuole fare delivery “sostenibile” e salutare hanno alzato la domanda della cargo bike”, bici da trasporto, ma scattanti e compatte quanto serve.

Che fare?

Se avete bisogno di sistemare la vostra bici e l’attesa è troppo lunga, ci sono corsi ben fatti da seguire e anche da mettere a frutto, se per caso vorreste pensare di fare della bicicletta il vostro lavoro. Un esempio sono quelli di BikeItalia. Se invece volete la bicicletta, ma non ne trovate più, valutate l’acquisto di un mezzo usato, ma qui garantito dalla passione di chi lo frequenta e Critical Bike Market MILANO su Facebook (esiste anche in altre città). Normalmente il mercatino online vende anche pezzi di ricambio, ma per rispondere al boom ha deciso provvisoriamente di accettare solo post di chi vende bici complete.

A Milano nuove ciclabili

A dare speranza e coraggio ai poveri milanesi imbruttiti da una città sempre e comunque solo a misura di macchina, le splendide e miracolose nuove ciclabili spuntate in città. “In certi momenti – mi dice un ciclista lungo il nuovo Corso Buenos Aires – in certi punti della città, ti senti un abitante di un paese nordico, uno di quelli che da anni e per vocazione hanno messo le persone al centro, regalando spazio a pedoni, bici e mezzi non solo non inquinanti, ma anche leggeri, capaci di occupare poco spazio, silenziosi e così divertenti da guidare”. Il Comune, tramite il suo assessore Granelli, promette di continuare veloce e inesorabile, mentre spuntano sempre nuove e urgenti richieste (qui ad esempio una bella petizione su Change che chiede un collegamento sicuro per le bici tra il quartiere Boschetto – Stazione S9 di Trezzano sul Naviglio). Ci siamo ricreduti, Milano merita la fiducia che Greta Thunberg dopo il Guardian le hanno concesso, per un progetto ambizioso e subito partito bene. Avanti tutta.

Per approfondire:
Come non farsi rubare la bici: i consigli di un ladro
Marche, la destinazione dell’anno (in bici)
La rivoluzione della “bici scatola”

Categorie: Altri blog

Estate 2020, 10 regole per tornare a frequentare i rifugi di montagna

Mar, 05/26/2020 - 10:30

La “fase 2” è ormai più che avviata e sono sempre di più le persone che iniziano a pensare alla “fase 3“, quando dovrebbero allentarsi definitivamente le restrizioni ai movimenti ancora in voga. E se c’è chi sta fantasticando sulle ferie estive, c’è anche chi le sta pianificando. E se c’è chi opterà, nonostante tutte le complicazioni, per andare al mare, c’è anche chi non si farà sfuggire qualche escursione in montagna. Ecco allora dieci semplici regole, stilate dal Club alpino italiano (Cai) su indicazione della Commissione rifugi, cui ci si dovrà attenere per un ritorno alla frequentazione dei rifugi all’insegna del rispetto di sé e degli altri, della responsabilità e della correttezza.

Necessarie responsabilità e prudenza

“Responsabilità, autoregolamentazione e prudenza devono ispirare, ancora di più nell’attuale situazione, ogni frequentatore della montagna – ha affermato il presidente generale del Cai Vincenzo Torti -. Solo il rispetto delle raccomandazioni per la corretta frequentazione dei rifugi potrà evitare la chiusura dei territori montani e la limitazione delle possibilità di frequentarli”.

Ecco le 10 regole

Le 10 regole sono contenute nel “Piano rifugio sicuro” stilato dal Cai su indicazione della Commissione rifugi:

1 – Prenota il pernottamento in rifugio: quest’anno è obbligatorio.

2 – Prima di iniziare l’escursione assicurati di essere in buona salute.

3 – Attendi all’esterno del rifugio le indicazioni del gestore.

4 – Consuma – meteo permettendo – bevande, caffè, torte e pasti veloci all’esterno del rifugio.

5 – Lascia il tuo zaino e la tua attrezzatura tecnica dove appositamente predisposto dal gestore.

6 – Assicurati di avere con te mascherina, guanti e igienizzante a base alcolica; utilizzali quando entri nel rifugio e comunque sempre quando non puoi rispettare la distanza di sicurezza.

7 – Porta con te il tuo sacco lenzuolo o il tuo sacco a pelo per pernottare al rifugio.

8 – Lavati spesso le mani ed utilizza i tuoi asciugamani personali.

9 – Ricorda che il gestore può sottoporti al controllo della temperatura e che, se superiore a 37,5°c, può vietarti l’ingresso al rifugio.

10 – Riporta i tuoi dispositivi individuali di protezione usati e i tuoi rifiuti a valle.

Leggi anche:
Covid-19: in spiaggia no ai giochi di gruppo. E in acqua a distanza di sicurezza
Dove andremo in vacanza nell’estate del Covid-19
Và dove ti porta la montagna
Marche, la destinazione dell’anno (in bici)

Categorie: Altri blog

Dal produttore al consumatore: adotta una mucca a distanza

Mar, 05/26/2020 - 10:13

Per superare la crisi economica innescata dalla diffusione del coronavirus, la Cooperativa Sociale Peralba di Costalta, in provincia di Belluno, ha avuto un’idea creativa e sostenibile per “mantenere vivo un territorio ricco di tradizione ma che richiede continui sacrifici e dedizione massima”.

Così è nata l’iniziativa “Adotta una mucca”: è possibile adottare una mucca a distanza e ricevere, in cambio, ciò che questi animali producono: formaggi e burro, prodotti di alta qualità. Le mucche, infatti, non sono costrette in allevamenti intensivi ma pascolano liberamente nelle montagne della Val Visdende.

Si tratta di una vera e propria adozione a distanza: in cambio, il consumatore, riceverà un attestato di adozione con la descrizione, i dettagli anagrafici e la foto della mucca prescelta, “potrai sapere quando la tua mucca sarà al pascolo in estate, in una delle meravigliose malghe della Val Visdende”.

L’adozione può essere sostenuta per un mese, sei mesi oppure un anno: si tratta di un’iniziativa di mutua cooperazione; in cambio di prodotti caseari genuini, si può aiutare a mantenere in vita una piccola realtà locale e a sostenere i piccoli produttori.

L’iniziativa permette a chi vive lontano dalla natura e immerso per tutto l’anno nei rumori della città, di assaporare prodotti genuini e viaggiare, attraverso i sensi, in una realtà bucolica.

Per questo motivo, il numero di richieste è stato così elevato che tutte le mucche sono state adottate e l’iniziativa, per questo mese, è stata interrotta, per essere rilanciata il prima possibile, nel rispetto dei ritmi naturali delle nostre amiche mucche.

Leggi anche:
Basta fondi pubblici agli allevamenti intensivi: la denuncia di Greenpeace
Zootecnia sempre più green: Ue vieta l’uso preventivo degli antibiotici negli allevamenti
Il burro: meglio giallo o bianco? L’importante è leggere l’etichetta
Carlo Petrini: Cambiare prospettiva per salvare agricoltura e ristorazione

Categorie: Altri blog

Soluzioni fai da te: pulire oggetti in oro e argento con prodotti 100% naturali

Mar, 05/26/2020 - 10:00

Se stai leggendo questo articolo è perché, probabilmente, stai cercando una soluzione naturale per le tue pulizie domestiche. Dal canale YouTube Soluzioni di Casa di Titty & Flavia, scopriremo due semplicissime (ed economiche!) alternative a quei prodotti commerciali chimici che, una volta finiti negli scarichi, contribuiscono ad inquinare il nostro pianeta.

Posate, cornici, gioielli, vecchie bomboniere e oggettistica in generale… un antico rimedio adatto a tutto. Una soluzione davvero semplice per far tornare spendere i nostri oggetti. Cosa serve:

  • Per gli oggetti in oro: aceto bianco, sale fino, una bacinella, panno.
  • Per gli oggetti in argento: bicarbonato, acqua calda, una bacinella, panno o spazzolina.
Fonte: Soluzioni di Casa di Titty & Flavia

Leggi anche:
Detersivo piatti fai da te ecologico
Come pulire casa con rimedi 100% ecologici
Detersivo lavatrice fai da te ecologico con foglie di edera

Categorie: Altri blog

Zoonosi e pandemie: la parola agli esperti dell’Istituto Zooprofilattico di Torino

Mar, 05/26/2020 - 08:18

Ad oggi abbiamo anche, se non delle certezze, delle probabilità molto alte che il passaggio sia avvenuto dal pipistrello come serbatoio al pangolino come veicolatore, per poi arrivare all’uomo.

Di certo sappiamo che si è trattato di un passaggio da animali selvatici a uomo, e si sa anche con certezza che la presenza massiccia di persone in ecosistemi prima indisturbati ha innalzato negli ultimi decenni il numero delle zoonosi, ovvero le infezioni umane di origine animale, come è stato per l’ebola e per l’hiv.

Oltre a queste trasformazioni però è avvenuto, in questo secolo, anche il cambiamento massiccio che ha portato alla produzione agroindustriale moderna. I moderni allevamenti intensivi, o estensivi che siano, ma comunque dove la produzione di carne animale è stata spinta ai livelli massimi. E se l’allevamento estensivo ha dato luogo a deforestazioni e introduzione di popolazioni umane in luoghi prima selvaggi, cambiandone gli equilibri e distruggendo gli habitat, nell’allevamento intensivo è accaduto in passato, con la suina e l’aviaria, per citare le più recenti, che i virus si diffondessero in maniera rapida e difficilmente controllabile.

Le domande che quindi ci poniamo riguardano il mondo degli allevamenti e la trasmissibilità dei virus in essi, per capire se e quali condizioni dobbiamo cambiare per salvaguardare la nostra salute e quella degli animali.

Ne abbiamo parlato con unteam di veterinari della struttura di Biostatistica Epidemiologica e Analisi del rischio dell’Istituto Zooprofilattico di Torino: Dott. Giuseppe Ru, Dott. Walter Martelli, Dott.ssa Cristiana Maurella e Dott. Calogero Trupia; i quali, dopo consulto, hanno risposto alle nostre domande.

Confrontando gli allevamenti intensivi e non, esiste una differenza nella probabilità di introduzione di virus?

“Negli allevamenti a carattere familiare e di piccole dimensioni c’è probabilmente meno attenzione ad evitare l’introduzione di virus; in quelli intensivi è abitudine consolidata prendere precauzioni tali da garantire un più alto livello di guardia. In termini tecnici si parla di misure di biosicurezza che si traducono in pratiche come ad esempio impedire l’entrata di uccelli o roditori, disinfettare gli stivali degli operatori che entrano in allevamento, sottoporre a controllo tutti i mezzi di trasporto, alternare cicli di allevamento con fasi in cui i locali sono svuotati e ripuliti prima di un nuovo ciclo. D’altra parte, gli allevamenti intensivi prevedono anche l’affollamento di un gran numero di animali molto simili tra loro e selezionati non per la resistenza alle malattie ma principalmente per garantire elevati livelli di produzione. Ciò fa sì che, in caso di epidemie introdotte in allevamento intensivo, le conseguenze potrebbero essere catastrofiche.”

Oltre all’allevamento biologico che per sua natura prevede il distanziamento, esistono sistemi di produzione in grado di ridurre il rischio di diffusione di malattie?

“In generale è il progressivo e incontrollato aumento dei consumi di prodotti di origine animale che andrebbe contrastato. Non considerando le abitudini alimentari nei Paesi occidentali, su tutto ciò sta incidendo la rapida espansione della popolazione mondiale accompagnata dal miglioramento della capacità di spesa a livello globale. A fronte di una domanda così elevata, la produzione diventa sempre più efficiente e di larga scala e questo incentiva il proliferare degli allevamenti intensivi. L’allevamento estensivo, se può rappresentare un’alternativa per raggiungere il medesimo scopo, richiede invece lo sfruttamento di nuovi territori con l’occupazione di terre vergini, i disboscamenti, la perdita di biodiversità e il rischio che il contatto con specie animali selvatiche favorisca l’esposizione a nuovi agenti infettivi.”

Quali sono gli effetti delle pandemie animali?

“La circolazione di agenti infettivi non è un evento infrequente, ma non causa necessariamente un’epidemia cioè un aumento repentino dei casi oltre l’atteso. Alcuni patogeni sono diffusi e convivono con i propri ospiti animali senza determinare per i soggetti infetti conseguenze né gravi né letali: in un allevamento la circolazione di un virus potrebbe manifestarsi anche soltanto con un calo delle produzioni. Un patogeno però può subire modificazioni tali da renderlo più aggressivo per la sua specie ospite o può raggiungerne una nuova; in questo caso si può avere una malattia emergente. Se a questo aggiungiamo la normale attività di trasferimento e commercio di animali tra allevamenti, allora c’è anche il rischio più concreto di un’epidemia. La sorveglianza epidemiologica esercitata dai veterinari gioca un ruolo fondamentale. Nonostante ciò spesso non è possibile intervenire tempestivamente ed efficacemente. Per fare un esempio è in corso l’epidemia di febbre suina africana e si verificano periodicamente anche quelle associate all’influenza aviaria. A livello globale le azioni di contrasto sono coordinate da organizzazioni sovranazionali come l’OIE, il corrispettivo animale dell’organizzazione mondiale della sanità.

Quali sono i principali serbatoi animali di malattie per l’uomo?

“Tutte le specie animali sono serbatoi di patogeni ma quando si identificano nuove malattie spesso l’origine è rappresentata da animali selvatici.  Molte zoonosi, ovvero malattie che si trasmetto dagli animali all’uomo e viceversa, come nel caso di quelle dovute ai coronavirus, hanno avuto origine da pipistrelli e roditori: la condivisione dell’habitat da parte degli animali serbatoi e dei futuri ospiti, la possibilità del patogeno di persistere nell’ambiente dopo esser stato disseminato e la suscettibilità al patogeno del nuovo ospite hanno favorito quel fenomeno particolare che viene definito “spillover” e che si può tradurre come il “salto”  da una specie all’altra. La promiscuità tra specie selvatiche e domestiche, indubbiamente, rappresenta il fattore che favorisce il passaggio all’uomo.”

Il modo in cui è prodotta la carne oggi, polli, suini ha contribuito all’aumento della virulenza dei virus? Questo modo di produrre la carne ha contribuito in qualche modo alla comparsa del Covid-19?

“Non c’è un’evidenza che metta in collegamento la comparsa del Covid-19 con gli allevamenti intensivi o di altro tipo, mentre nel caso specifico la presenza di animali selvatici in mercati alimentari può aver giocato un ruolo importante. In generale esistono molti altri coronavirus che colpiscono gli animali, senza però determinare delle zoonosi. Poi ci sono altri patogeni che determinano malattie nelle specie allevate e possono invece colpire anche l’uomo, come è avvenuto in passato per il virus dell’influenza aviaria. Il commercio degli animali allevati e dei loro prodotti, legale o illegale che sia, rappresenta uno dei fattori che ne favoriscono la diffusione locale e internazionale. Per questo limitare la promiscuità tra le specie, diffondere la consapevolezza sulle misure igieniche e sull’importanza della biosicurezza e infine mantenere un buon livello di sorveglianza epidemiologica rappresentano la miglior strategia per prevenire il verificarsi di fenomeni epidemici che mai come oggi sappiamo essere catastrofici.”

Per chi vuole approfondire, a questo link potete trovare alcuni webinar organizzati in tema di coronavirus da parte dell’Associazione Italiana di Epidemiologia

Leggi anche:
Covid-19, visoni contagiati in allevamenti olandesi
Basta fondi pubblici agli allevamenti intensivi: la denuncia di Greenpeace
L’Uk vuole tassare la carne da allevamenti intensivi
Giornata dei Diritti degli Animali, in Italia il 90% degli allevamenti è intensivo

Categorie: Altri blog

Idrossiclorochina: stop ai test | Arrivano i “tagli” sulle pensioni | Superbonus anche alle seconde case

Mar, 05/26/2020 - 06:25

Tgcom24: Spazio, troppi rifiuti in orbita | La proposta: con una tassa meno satelliti e più soldi per la ricerca e l’industria;

Leggo: Luca Parmitano: «Nello spazio sapevo del Coronavirus già da novembre». Poi si corregge: «Il mio lapsus strumentalizzato»;

Il Mattino: Movida a Milano, Sala stringe: vietata la vendita di bibite d’asporto dopo le 19;

Corriere della Sera: Alt del Viminale sugli assistenti civici, poi Conte media: «Nessun compito di polizia». Boccia: «Un aiuto ai sindaci, altro che ronde»;

Il Sole 24 Ore: Test sierologici, ecco come funziona la sperimentazione su 150mila persone – Che cosa accadrà se l’Rt ricomincerà a salire? – Solo 300 nuovi casi e 92 morti in tutta Italia -;

La Repubblica: Oms sospende la sperimentazione sull’idrossiclorochina: “Preoccupati per la sicurezza“. Rep Tv Molinari: “Oms indebolita, ha perso credibilità di fronte a gestione pandemia;

Il Manifesto: Oxfam: «Servono 300 miliardi di dollari per i sistemi sanitari del Sud del mondo»;

Il Fatto Quotidiano: Ex Ilva, incontro governo-sindacati-Mittal ma l’azienda è senza piano. L’ad Morselli: “Pronto tra 10 giorni”. Uilm e Fiom temono il bluff;

Il Giornale: Arrivano i “tagli” sulle pensioni. I calcoli sull’assegno: l’importo;

Il Messaggero: Superbonus anche alle seconde case La Cig verrà estesa. Bonus professionisti, aiuti in due rate per 400 mila: previste tranche di 600 e mille euro. Estate 2020, in hotel con la mascherina, su treni e bus in fila indiana: come viaggeremo Di Maio: «Rischio di tensioni sociali, girerò la Ue per aiutare il turismo».

 
Categorie: Altri blog

La lotta contro Covid-19 ha fermato le morti per influenza

Lun, 05/25/2020 - 18:30

Il numero di casi di influenza, ma anche di altre malattie infettive, è fortemente diminuito rispetto agli anni precedenti.

Stagione influenzale ridotta di 6 settimane

“Le misure di contenimento e separazione fisica per frenare la diffusione del coronavirus hanno apparentemente abbreviato la stagione influenzale nell’emisfero settentrionale del mondo di circa sei settimane“, riferisce Nature.

Di solito, in queste regioni del mondo, l’epidemia raggiunge il picco a febbraio e dura fino alla fine di maggio. Ma secondo i dati di FluNet, un’unità dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dedicata alla sorveglianza di questa malattia, l’epidemia si sarebbe improvvisamente fermata all’inizio di aprile.

Il 2020 minacciava di essere un anno terribile per l’influenza…

Questa cessazione precoce arriva dopo che i casi di influenza registrati a gennaio – prima dell’epidemia di Covid-19 – sembravano indicare che la stagione influenzale “stava per essere la peggiore degli ultimi decenni”, continua Nature.

Studio a Hong Kong: diminuiti i morti per influenza del 63%

Secondo uno studio pubblicato all’inizio di maggio sulla rivista medica BMJ, la stagione influenzale 2019-2020 a Hong Kong è stata del 63% più breve rispetto alle cinque precedenti e il numero di decessi attribuiti a questa malattia è stato analogamente del 62% inferiore.

Crolla anche il numero di casi di morbillo e rosolia

Lo studio mostra che anche altre malattie infettive come il morbillo e la rosolia sono al livello più basso dal 2016. “Ad aprile sono stati identificati solo 36 casi di rosolia in tutto il mondo”, osserva Nature.

Queste malattie colpiscono particolarmente i bambini, è probabile che la chiusura delle scuole abbia avuto un effetto ancora più importante del distanziamento sociale, secondo Pak-leung Ho, un ricercatore dell’Università di Hong Kong che ha partecipato al lavoro.

Per la rivista scientifica: “Il monitoraggio dell’influenza e di altre malattie infettive aiuta a valutare l’efficacia delle misure di sanità pubblica per arginare la pandemia di Covid-19 “.

“Grazie” al covid-19 molti morti in meno per influenza e morbillo

Ogni anno muoiono solo per l’influenza nel mondo, secondo i dati OMS, in media 650.000 persone, per il morbillo nel 2018 sono morte 140.000 persone, soprattutto bambini. Molte di queste morti (quante sarà possibile determinarlo solo tra qualche tempo) non sono avvenute e non avverranno come effetto indiretto del covid-19 e delle misure adottate per proteggersi dal virus.

Leggi anche:
Il morbillo colpisce due volte: causa “amnesia immunitaria”
Morbillo, la più grande epidemia al mondo è in Congo. Oltre 4 mila morti, 90% sono bimbi

Categorie: Altri blog

Erbe Officinalis: natura da scoprire

Lun, 05/25/2020 - 17:45

Melissa e Menta sono conosciute ma il Lapazio? La Piantaggine? Come usare le erbe officinali e come imparare a conoscerle (spoiler: è questione di esperienza).

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_376"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/376/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/376/output/Erbe-officinali-umbria.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/376/Erbe-officinali-umbria.mp4' } ] } })

Leggi anche:
Le ricette di Angela Labellarte: fagottini di patate ed erbe aromatiche
I capelli me li faccio color curcuma
L’orto sul terrazzo

Categorie: Altri blog

Scoperta una nuova specie di pianta made in Italy

Lun, 05/25/2020 - 16:30

I ricercatori dell’Università di Camerino, in Abruzzo, hanno scoperto una nuova specie di pianta che ha un’identità tutta italiana e cresce solo in alta quota. In particolare, questa pianta erbacea perenne, si trova nel Parco Nazionale della Majella e appartiene alla famiglia delle Poaceae.

La ricerca è stata recentemente pubblicata sulla rivista internazionale Phytokeys; gli studiosi hanno dimostrato che la pianta più vicina alla Poa Magellensis è la Poa ligulata, che fiorisce in Spagna e Marocco ed entrambe hanno alla base delle “foglie strutture argentee (ligule) particolarmente sviluppate, che colorano di riflessi argentei i cuscinetti di foglie tra le rocce.”

L’estate 2020, all’insegna della riscoperta dei piccoli borghi e dell’importanza del turismo lento e sostenibile, sarà l’occasione giusta per esplorare le montagne abruzzesi e imbattersi in questa meraviglia della natura?

Leggi anche:
Ti ricordi “La vita segreta delle piante”?
Anche le piante fanno musica! (VIDEO)
2020 anno internazionale della salute delle piante

Categorie: Altri blog

Decreto scuola: la notte ha portato consiglio

Lun, 05/25/2020 - 15:00

Il decreto scuola è stato varato nella notte, pare grazie alla mediazione di Giuseppe Conte.

Gli insegnanti saranno a scuola dall’1 settembre a tempo determinato, secondo le graduatorie d’istituto. Successivamente si farà il test scritto.

Un compromesso insomma, tra le richieste della Ministra Azzolina e quelle di Pd e Leu anche se, a volerla dire tutta, la soluzione è più vicina a quelle di questi ultimi, tanto che la Ministra in serata aveva ventilato l’ipotesi di lasciare l’incarico dopo che Conte aveva dichiarato: «Non possiamo spaccarci sulla scuola».

Alla fine comunque contenti tutti: resta la prova per l’assunzione dei 32mila insegnanti precari ma sarà svolta dopo l’estate e in forma scritta, non per quiz. Niente crocette, dunque. Una soluzione, viene fatto osservare dal governo, «Che permette di combattere il precariato garantendo la meritocrazia».

Pace fatta?

Per poter iniziare in tempo l’anno scolastico comunque i 32mila saranno assunti con un contratto a tempo determinato partendo dalle graduatorie di Istituto.

I dettagli non sono ancora stati resi noti ma si è fumato il calumet della pace, almeno per un po’.

«Abbiamo 78mila insegnanti da assumere nel primo e secondo ciclo fra concorsi ordinari e concorso straordinario. Sono numeri importanti e dobbiamo fare presto», ha dichiarato la Ministra dell’Istruzione anche se la sua richiesta di fare subito il concorso a quiz non è stata accolta.
E non sono state ancora fissate le successive date del bando ordinario per medie e superiori e quelle per la prova per l’infanzia e la primaria.

Insomma, i problemi della scuola durante e dopo la pandemia sono molti, ancora non sono chiare le modalità con cui i nostri ragazzi torneranno tra i banchi, che ruolo avrà la didattica a distanza… e così via.

Aspettiamo fiduciosi certi (?) che a settembre sarà tutto risolto e chiarissimo perché senz’altro gli studenti non sono imbuti.

Leggi anche:
Prima le biciclette, poi le auto: il decreto rilancio modifica il codice della strada
Covid-19, i disabili e le loro famiglie dimenticati

Foto di 潜辉 韦 da Pixabay 

Categorie: Altri blog

Covid-19, al via test sierologici per 150 mila italiani

Lun, 05/25/2020 - 13:00

Centocinquantamila persone residenti in duemila Comuni italiani: sono questi gli individui che verranno coinvolti, in forma gratuita e anonima, nell’indagine epidemiologica che parte oggi su scala nazionale attraverso la somministrazione di test sierologici mirati a capire quante persone in Italia hanno sviluppato gli anticorpi al nuovo Coronavirus SARS-CoV-2, anche in assenza di sintomi, e descriverne la frequenza in relazione ad alcuni fattori come sesso, regione di residenza, attività lavorativa e classe di età.

Indirizzare decisioni politiche

L’indagine, condotta dal ministero della Salute e dell’Istituto nazionale di statistica (Istat) con la collaborazione della Croce rossa italiana, ha come fine raccogliere dati relativamente alla diffusione del nuovo coronavirus nella popolazione per indirizzare le decisioni politiche a livello nazionale e regionale e per modulare le misure di contenimento del contagio.

Prelievi anche a domicilio

Le persone selezionate saranno contattate al telefono dai centri regionali della Croce rossa italiana per fissare un appuntamento per il prelievo del sangue, che potrà essere eseguito anche a domicilio se il soggetto è fragile o vulnerabile. Il tutto in forma anonima: “La riservatezza dei partecipanti – spiega il ministero della Salute in una nota – sarà mantenuta per tutta la durata dell’indagine. A tutti i soggetti che parteciperanno sarà assegnato un numero d’identificazione anonimo per l’acquisizione dell’esito del test. Il legame di questo numero d’identificazione con i singoli individui sarà gestito dal gruppo di lavoro dell’indagine e sarà divulgato solo agli enti autorizzati“.

Importante partecipare

Gli esiti dell’indagine potranno essere utilizzati anche per altri studi scientifici e per l’analisi comparata con altri Paesi europei. Per ottenere risultati affidabili e utili, scrive il ministero della Salute, è fondamentale che le persone selezionate per il campione aderiscano: “Partecipare non è obbligatorio, ma conoscere la situazione epidemiologica nel nostro Paese serve a ognuno di noi”, precisa il ministero della Salute.

Categorie: Altri blog

60mila volontari per controllare la movida

Lun, 05/25/2020 - 11:30

Disoccupati, cassaintegrati e coloro che usufruiscono del reddito di cittadinanza saranno reclutati dai Comuni per vigilare che le regole per il distanziamento sociale e l’uso delle mascherine siano rispettati.

Per essere riconoscibili indosseranno una pettorina. Si tratta di un lavoro volontario che non si sostituirà alle forze dell’ordine ma come spiega l’accordo tra Governo e Comuni: “Contribuiranno a far rispettare le regole”.

Li potremo vedere negli spazi pubblici come parchi, spiagge e piazze, verranno coordinati dalla Protezione Civile e potranno chiamare la polizia qualora lo ritengano necessario.

Il bando sarà pubblicato sul sito della Protezione Civile dopo un lavoro di coordinamento tra il ministro per gli affari Regionali, Francesco Boccia, e il presidente dell’Anci, e sindaco di Bari, Antonio Decaro.

«Non sono ronde e non sono agenti di polizia municipale» spiega Boccia. «Si tratta invece di volontari che metteranno a disposizione dei loro Comuni fino a 16 ore settimanali». Al bando può partecipare chiunque ma i primi a essere scelti saranno coloro che usufruiscono del «Reddito di cittadinanza, chi si trova in cassa integrazione o usufruisce di sussidi: non avranno chiaramente uno stipendio ma ci sarà una copertura assicurativa da parte dell’Inail“. Boccia è sicuro che non sarà difficile trovarli. «Mi aspetto molto più delle 60 mila domande. Anche perché il bando è aperto a tutti, anche ai pensionati».

Troppa gente in giro

La misura si è resa necessaria dopo gli assembramenti sul lungomare di Napoli, o nel centro di Roma e ai navigli a Milano. Il sindaco del capoluogo lombardo Giuseppe Sala, dopo aver «Parlato con i sindaci delle grandi città», ha detto di essere «frustrato per la difficoltà nella gestione degli assembramenti».

A Perugia venerdì sera scorso c’è stata anche una maxi rissa in piazza Danti, stracolma di gente. Il sindaco Romizi ha reagito ordinando la chiusura  dei pubblici esercizi nei giorni di venerdì, sabato, domenica, prefestivi e festivi dalle 21.00 alle 6 in centro storico e alla stazione ferroviaria di Fontivegge.

Più che di assistenti civici nel capoluogo umbro serve un esercito di Robocop.

Leggi anche:
DeLucaRun il videogioco dedicato a Vincenzo De Luca
Covid-19 e lockdown, rischio aumento consumo di alcol. Al via sondaggio
La Grecia riaprirà ai turisti il 15 giugno

Foto di Free-Photos da Pixabay

Categorie: Altri blog

Per i banchieri la matematica è una opinione

Lun, 05/25/2020 - 11:00

Ha dichiarato, come riportato da La Stampa, che otto richieste di finanziamenti su dieci sono state accolte dal sistema bancario. Lo ha fatto per rispondere al Presidente del Consiglio Conte che a Montecitorio la settimana scorsa ha dichiarato, appello inaspettato ed incoerente (dopo aver scritto un decreto con i piedi), che le banche possono e devono fare di più.

Forse non ha dato una occhiata al sito del Fondo di Garanzia per le piccole e le medie imprese che quotidianamente riporta il numero (e l’importo) delle domande che il sistema bancario seleziona ed invia al MES per ottenere la prevista garanzia.

Al 20 maggio erano pervenute al Fondo solo 357.690 domande.

Facciamo una semplice equazione 8:357.690=10:X
La soluzione è 447.112.
Se l’algebra si basa ancora sugli stessi concetti da me studiati , secondo Antonio Patuelli, in banca sarebbero andate 447.000 imprese circa per richiedere i finanziamenti previsti dal decreto liquidità.

Se pensiamo che in Italia ci sono circa 4,5 milioni di imprese, vuole dire che solo il 10% delle imprese italiane ha sentito l’esigenza di rivolgersi alle banche per ottenere le agevolazioni.

Delle due l’una. O le nostre imprese, contrariamente a quanto finora rilevato, sono fortemente capitalizzate al punto da non ritenere efficiente indebitarsi.
Oppure c’è bisogno di lezioni di ripetizione di matematica per Patuelli.

Leggi anche:
Decreto Liquidità: alle aziende non è arrivato neppure un euro!
“Decreto liquidità”: dove è inciampato il Governo nel processo di problem solving?
Decreto Liquidità: state attenti!

Categorie: Altri blog

Trentino: “Il ragazzo inseguito dall’orso è un fake”

Lun, 05/25/2020 - 10:30

Sta facendo impazzire la rete ma secondo l’esperto Spartaco Gippoliti, conservazionista e membro della Società Italiana per la Storia della Fauna, si tratta di un video chiaramente costruito ad arte. La storia per come la racconta chi ha postato il video su Facebook è quella di una famiglia che, dopo un pic nic in montagna, vede un orso seguire Alessandro, un ragazzino di 11 anni, appassionato di plantigradi. Un uomo – il compagno della madre – lo riprende mentre il giovane mantiene la calma e si allontana lentamente senza fissare l’animale. Ma le stranezze sembrano davvero tante.

Lo ha attirato con il cibo?

“Il bambino ha un sacchetto in mano, l’orso procede annusando e – sembra – mangiando qualcosa da terra, e la cosa più plausibile è che il giovane abbia nutrito l’orso per farsi seguire, un comportamento che se confermato sarebbe estremamente pericoloso, perché oltre al rischio immediato, va a creare animali confidenti con l’uomo che poi arrivano a scendere fino nei paesi, fino alle finestre delle persone, come successo di recente”.

Un comportamento insolito

“Non si spiegherebbe altrimenti perché l’orso stia seguendo il bambino: per aggredirlo? È evidente da subito che l’orso non ha intenzioni aggressive, ma segue il ragazzo in modo molto tranquillo, attirato da qualcosa”, continua Gippoliti.

Il ruolo dell’uomo

Inoltre quale è la primissima preoccupazione del ragazzo – e dell’uomo che lo riprende – in una situazione di tale pericolo? “Una volta raggiunta la scenografia giusta, ovvero il bambino in primo piano e l’orso alle spalle, la prima cosa che viene in mente è girare un filmato! Come no. Chi di noi, preso alla sprovvista, e magari giustamente terrorizzato per il rischio che corre il giovane, non farebbe altrettanto?” ironizza l’esperto. E in effetti la prima preoccupazione del bambino è chiedere: fai foto? E l’uomo lo rassicura: “Sì, sì, la sto facendo”. “Inoltre – continua Gippoliti – un padre coscienzioso non lascerebbe mai il figlio in una tale condizione di esposizione al rischio. Sarebbe bastato che il padre, filmando, stesse fermo, perché il figlio lo superasse e si trovasse lui, e non il ragazzino, nell’immediata vicinanza dell’animale“. Forse, l’intenzione sconsiderata era di far contento il bambino regalandogli l’incontro che – come lui stesso ha raccontato – da tempo desiderava.

Cosa fare per evitarlo

L’episodio è avvenuto nella zona sopra alla Contra, sopra Malga Prà da Giovo (Sporminore) nelle Dolomiti di Brenta in Trentino. In Trentino, soprattutto nella zona del Brenta, cui sono tra gli 80 e i 90 orsi. Sotto le raccomandazioni del Wwf su come comportarsi quando si dovesse incrociare un orso, ma soprattutto su come evitare che succeda.

Leggi anche:
Se incontrate un orso, parlategli con calma!
Trentino: “Gestiamoli o addio orsi”

Categorie: Altri blog

Giostrina per culla bimbi fai da te, ecco come fare!

Lun, 05/25/2020 - 10:00

Siete in cerca di qualche idea per decorare la cameretta dei vostri bimbi? Dal canale YouTube Westwing Italia una bellissima idea, facile, veloce ed economica! Ecco come creare una giostrina per culla con pompon.

“Un concentrato di tenerezza, semplice e originale, per attirare l’attenzione dei più piccoli e creare un ambiente stimolante e armonioso.” Cosa serve:

  • Anello di legno (va bene anche in altro materiale);
  • Colla a caldo (facoltativo):
  • Gomitoli di lana;
  • Pom pom maker (consiglio: i pom pom si possono realizzare anche con l’ausilio di un semplice cartoncino!);
  • Forbici;
  • Ferro da maglia.
Fonte: Westwing Italia

Leggi anche:
Eccellenze sanitarie: ecco gli ospedali in cui partorire
La musicoterapia aiuta il recupero cerebrale dei neonati prematuri
Latte in polvere: alcuni tipi contengono più zucchero delle bibite gassate

Categorie: Altri blog

Covid-19 e lockdown, rischio aumento consumo di alcol. Al via sondaggio

Lun, 05/25/2020 - 09:15

Potenziamento delle vendite online e a domicilio. Aumento di stati come nervosismo, ansia, stress, noia e depressione. Incremento della voglia di evadere da una situazione “stretta” come quella indotta dalla quarantena, caratterizzata dalla cassa integrazione per molti lavoratori, dalla perdita del lavoro per altri, dall’ormai noto lavoro da casa (smartworking) per altri ancora, oltre che dalle importanti limitazioni alla libertà di movimento, fino ad arrivare alla chiusura delle scuole e alla conseguente didattica a distanza dei figli, che in molti casi per tanti genitori ha costituito (e sta costituendo) un impegno quotidiano non da poco: secondo gli esperti tutti questi elementi hanno provocato disagi di diverso tipo e favorito di conseguenza l’aumento del consumo di bevande alcoliche.

Hai bevuto alcol? Quanto? Al via l’indagine

Per approfondire l’argomento e avere una stima del consumo di alcol nella popolazione l’Osservatorio Nazionale Alcol dell’Istituto superiore di sanità, centro di riferimento dell’Organizzazione mondiale della sanità per le tematiche alcol-correlate, epidemiologiche e di salute pubblica (World Health Organization – collaborating centre), ha dato il via a un sondaggio online in collaborazione con altri istituti di ricerca e organizzazioni per la tutela della salute pubblica europei. Per partecipare basta collegarsi a questo link, da dove in circa 10 minuti sarà possibile rispondere alle domande in modo gratuito e in forma anonima.

Mappare le opinioni dei consumatori

L’indagine sarà attiva fino al 30 giugno. Lo scopo – scrive l’Istituto superiore di sanità in una nota, è “‘mappare‘ le opinioni dei consumatori, i modelli di consumo e gli esiti di salute durante i periodi di pandemia che comportano restrizioni e quarantene, così da favorire un modello decisionale di tipo “bottom-up” (dal basso verso l’alto) che porterà a scelte informate”, e produrre così “indicazioni da proporre ai decisori politici al fine di garantire risposte specifiche e quanto più possibile aderenti alle esigenze di prevenzione di breve, medio e lungo termine”.

L’alcol riduce le difese immunitarie

La questione del consumo di alcol risulta essere di grande attualità, spiegano dall’Iss, soprattutto a causa di diverse fake news sul consumo di vino e simili diffuse nelle ultime settimane che hanno lasciato credere ai consumatori che l’alcol possa agire da igienizzante o disinfettante del cavo orale o dell’organismo. È vero piuttosto il contrario: in momenti come questo dall’alcol si dovrebbe stare lontani poiché il consumo di bevande alcoliche fa tutt’altro che disinfettare l’organismo, ma può anzi indurre un calo dell’efficienza del sistema immunitario, riducendo la capacità dell’organismo di difendersi dall’infezione.

Per approfondire:
Assunzione di bevande alcoliche e COVID-19: le cose da sapere le fake news da sfatare

Leggi anche:
Coronavirus: attenti ad apatia e disorientamento
Covid-19: al via la campagna #psicologicontrolapaura
Covid-19, nasce numero verde di supporto psicologico

Categorie: Altri blog

Il coronavirus e le intimidazioni mafiose non fermano “Libera Terra”

Lun, 05/25/2020 - 08:08
Come nasce una liberazione

Pio La Torre e Rosario Di Salvo venivano uccisi in un agguato mafioso il 30 aprile 1982. Pio è l’ispiratore della legge che ha introdotto in Italia il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso (Legge Rognoni – La Torre del 1982) e delle conseguenti misure volte a colpire il patrimonio delle mafie, tra cui la confisca (il riutilizzo sociale dei beni sottratti alla criminalità organizzata fu poi introdotto, grazie alla campagna di Libera, dalla legge 109 del 1996). Rosario, autista, scorta, amico fidato del segretario regionale del PCI Pio La Torre, anche quella mattina era al suo fianco. Nata con loro, Pio e Rosario, Libera Terra non si è mai più fermata.

Rete, produttività, legalità, tenacia

La loro morte non ha fermato la lotta della Cooperativa Libera Terra, così come il coronavirus, e il pericoloso ritorno delle mafie nei territori più a rischio povertà, non stanno fermando le centinaia di persone che ogni giorno, dallo scoppio dell’epidemia, conservano la dignità, il valore, la bellezza e la produttività dei terreni liberati dalle mafie.

La rete di Libera Terra comprende in totale circa 70 soci lavoratori e 170 dipendenti che lavorano i terreni sequestrati e confiscati tra Sicilia, Calabria, Puglia e Campania, circa 1300 ettari complessivi. “Sono circa i 90 prodotti realizzati, che vengono venduti in Italia e all’estero, anche attraverso l’e-commerce, per un totale superiore ai 7 milioni di euro di fatturato”, conferma Francesca Rispoli dall’ufficio di presidenza dell’associazione nazionale.

L’ultimo atto intimidatorio della ‘ndrangheta

L’ultima volta che la mafia è tornata a intimidire quelli di Libera Terra è stato il primo di marzo, quando ignoti hanno fatto irruzione nei capannoni della Cooperativa siti in via Pio La Torre a Polistena, di notte, come da prassi, ovviamente. “Siamo nati quindici anni fa, ma ciclicamente siamo ancora oggetto di atti criminosi, che mirano a metterci in difficoltà” spiega Antonio Napoli, vicepresidente e socio fondatore della Cooperativa della Valle del Marro. I loro progetti, che fanno parte della rete di Libera, nascono sui terreni confiscati alla ‘ndrangheta, nella Piana di Rosarno, a poca distanza dalla baraccopoli di San Ferdinando, a Polistena, in Calabria.

Lavorare è un diritto, la salute e la legalità, pure

A tutelare e a battersi per la cooperativa della Valle del Marro, anche in questo caso, come spesso capita nei territori del Sud, un prete, Don Pino De Masi, il parroco della comunità Santa Marina Vergine di Polistena. “Attualmente siamo 6 soci, con 11 lavoratori assunti a tempo indeterminato. Con i lavoratori stagionali arriviamo a più di 40 addetti. Per tutti è scattato il piano di prevenzione e sicurezza aziendale. È fondamentale. Il nostro capitale sociale sono le persone”.

Ora tocca a noi consumatori

Cosa può fare il consumatore apparentemente lontano dai tentacoli della mafia, che non rischia quotidianamente? Consumare consapevolmente. Scegliere prodotti che certifichino l’assenza di mafie, sfruttamento, caporalato. Basta affidarsi ai bollini (di Libera ma non solo), delle certificazioni (tutti i prodotti che provengono dai beni confiscati alla mafia sono ad agricoltura biologica) e dal naso. Bisogna avere fiuto: il profumo di un’arancia coltivata in un campo libero, da persone libere, non profuma solo di agrumi, profuma di libertà. Ripartiamo dalla terra.

Photo credit: Libera Terra

Leggi anche:
Mafia, quattro arresti per l’omicidio di un uomo freddato davanti alla figlia
Il tedesco Die Welt: «No soldi europei all’Italia, li daremmo alla mafia»
Sandro Ruotolo e le storie di mafia

Categorie: Altri blog

Come usare bene l’aria condizionata | Da nord a sud tutti fuori, poche multe | Di Maio: serve riforma fiscale

Lun, 05/25/2020 - 06:25

Il Fatto Quotidiano: Prestito a Fca – L’economista Giavazzi: “Se il problema è la liquidità gliela dia la casa madre. Se è la solvibilità lo Stato entri nel capitale”;

Il Giornale: I prestiti alle imprese? Banche si tengono soldi;

Il Mattino: Scuola, ora si accelera sull’intesa: Conte convoca un vertice notturno. Fase 2, lo Stato recluta 60 mila assistenti civici per vigilare sulle norme anticontagio. Chi sono Di Maio: serve riforma fiscale, meno tasse a imprese e famiglie Terremoto toghe Bonafede: «Subito la risposta delle istituzioni»;

Il Manifesto: Concorsi, intesa difficile nella maggioranza. Pd e Leu: «A rischio l’avvio dell’anno»;

Il Messaggero: Da nord a sud tutti fuori, poche multe. Sindaci: pronti a una nuova stretta. Ostia presa d’assalto, dal mare alla pineta: controlli e divieti violati Montecastrilli, bar chiude in anticipo sull’orario. «Non voglio multe per colpa dei clienti irresponsabili».;

La Repubblica: Lo spot contro l’aperitivo: “Così tutto si fermerà”;

Il Sole 24 Ore: Proteste a Hong Kong, la polizia lancia lacrimogeni: 40 arresti ;

Corriere della Sera: Pulire gli impianti e garantire il ricircolo: le regole per usare bene l’aria condizionata;

Tgcom24: Anm, Bonafede: “Ora la riforma del Csm” | Zingaretti: “Necessaria in tempi rapidissimi” ;

Leggo: Burioni a Che Tempo che Fa sulle parole di Gallera: «R con zero è solo un numero statistico, il contagio non è cambiato».

Categorie: Altri blog

Dovremmo concedere un prestito di 6 miliardi alla Fiat?

Dom, 05/24/2020 - 14:00

In difficoltà, Fiat Chrysler Automobile (FCA) ha chiesto un prestito garantito dallo stato per 6,3 miliardi di euro “per salvare posti di lavoro”.

In pratica il prestito verrebbe fatto dalle banche e lo stato italiano (cioè noi) “firmerebbe” una garanzia per cui se per qualsiasi ragione FCA non fosse in grado di restituire i soldi sarebbe lo stato (cioè noi) a restituirli alle banche creditrici. Da più parti sono state sollevate obiezioni perché gli aiuti andrebbero a un gruppo la cui sede principale è in Olanda e la sede fiscale nel Regno Unito.

Lo dovremmo concedere? L’ex Fiat impiega direttamente circa 50.000 persone in Italia, è possibile ignorare la richiesta? E quali condizioni dovrebbe richiedere lo stato italiano?

Troppo grande per fallire

Il giornale online wired.it ricorda che l’importanza della Fiat per l’economia italiana è semplicemente troppo grande: “La Fiat – che secondo alcune stime genera il 6% del PIL italiano e riunisce il 7% dei dipendenti nel settore manifatturiero – è semplicemente troppo grande per fallire. Quando si è trovato in difficoltà, storicamente, il gruppo si è sempre rivolto ai vari governi a causa della sua centralità nel sistema produttivo e industriale italiano. La Fiat è semplicemente in una posizione di forza.”

La richiesta FCA

Sabato 16 maggio, con un comunicato stampa, il gruppo Fiat Chrysler Automobile  ha annunciato di aver avviato “una procedura con il governo italiano per ottenere una linea di credito destinata esclusivamente al supporto del settore automobilistico in Italia, fino a 6,3 miliardi di euro” Concretamente, il costruttore ha fatto affidamento sui decreti del governo di marzo e aprile di sostegno alle imprese colpite dall’emergenza covid-19 per richiedere un prestito da parte dello stato.

I decreti mettono a disposizione delle imprese garanzie finanziarie per ottenere più facilmente prestiti bancari. Lo Stato si impegna a rimborsare questi prestiti nel caso in cui l’impresa in questione non sia in grado di farlo.

Conte favorevole, Repubblica e La Stampa anche

FCA è quindi legalmente autorizzata a richiedere questo aiuto senza che questo peraltro comporti un obbligo da parte dello stato a rispondere affermativamente.

Le prime dichiarazioni del presidente del Consiglio Giuseppe Conte che ha commentato la richiesta parlando di “una società italiana che impiega molti lavoratori” suggeriscono che il prestito sarà concesso. A sostegno della richiesta di FCA si sono schierati anche Repubblica e La Stampa, non casualmente: i 2 giornali sono controllati da FCA.

Ma molte voci si sono sollevate per denunciare questa ipotesi o comunque per chiedere condizioni.

La questione delle tasse non pagate in Italia

Il prestito è stato richiesto per la controllata FCA Italia ma, ricorda il settimanale Internazionale: “FCA Italia è solo la filiale italiana della multinazionale FCA che, come molte altre, ha scelto di avere una sede legale e una sede fiscale nei paesi che offrono regimi più favorevoli. FCA Italia paga le tasse sulla produzione e sulle vendite in Italia ma i profitti derivanti da queste attività vanno all’estero e vengono distribuiti sotto forma di dividendi agli azionisti che beneficiano quindi di una tassazione più favorevole, quella inglese. Lo stato italiano pertanto non riscuote entrate da utili derivanti da attività che si svolgono in Italia”.

“Condizioni insufficienti”

Molti vorrebbero che il governo ponesse una serie di condizioni a FCA in cambio di questo aiuto: per il momento per FCA si tratterebbe solo di non distribuire dividendi nel 2020.

Il giornale online Open evidenzia un problema in questo “divieto” limitato a un anno. “FCA ha promesso un dividendo massimo di 5,5 miliardi ai suoi azionisti nel 2021, quando dovrebbe essere completata la fusione con il gruppo automobilistico francese PSA. Pertanto, il prestito statale diventerebbe la garanzia per questi dividendi che sarebbero inoltre tassati all’estero”.

Il ministro Gualtieri: “È solo un prestito”

Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha provato a chiarire i contorni dell’operazione: “È un prestito, non un regalo. Abbiamo chiesto a FCA impegni aggiuntivi rispetto a quelli esistenti tra cui rafforzare e confermare tutti gli investimenti in Italia. Abbiamo anche detto no a delocalizzazioni. La garanzia dello Stato è legata a queste condizioni. Anche perché stiamo parlando di una grande multinazionale globale che sta negoziando una fusione con Psa in Francia e che noi abbiamo il dovere, come governo, di tenere ancorata in Italia”.

Potremo controllare a cosa servirà il prestito?

Ma viene da osservare che FCA ha sede in Olanda e ha i conti lì. Riuscirà lo stato italiano a mettere il naso nei conti olandesi per verificare, se dovesse servire, che utilizzo sarà fatto del prestito che ha garantito? Soprattutto quando tra qualche mese il controllo della società, dopo la fusione con PSA, passerà in Francia? Ci sono molti dubbi al riguardo.

“FCA deve riportare la propria sede in Italia”

L’ex ministro della Giustizia e numero 2 del Partito Democratico, Andrea Orlando, con un tweet: “Senza iniziare discussioni su cosa sia veramente un paradiso fiscale, penso che possiamo dire una cosa: una società che richiede finanziamenti significativi dallo Stato deve rimpatriare la propria sede in Italia”.

Anche l’ex ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha chiesto, tra gli altri, che “la sede fiscale della Fiat ritorni a Torino dove è nata la Fiat“.

La questione è aperta

La questione è aperta. Chi volesse inviarci il suo punto di vista può mandarlo via mail a redazione@peopleforplanet.it, li raccoglieremo e pubblicheremo.

Immagine di Karim Manjra

Categorie: Altri blog

Confesso: ho trasgredito

Dom, 05/24/2020 - 10:00

«Qual è la prima cosa che farai, una volta finito il lockdown?», ci domandavamo pronti a lanciarci in immagini poetiche e nella versione più scintillante di noi stessi.

«Andrò a vedere il mare», scrivevano i più semplici.
«Abbraccerò gli sconosciuti», i più entusiasti.
«Farò volontariato, perché ho compreso il vero senso della vita»
«Sarò una persona migliore».

Ora che il futuro è oggi, quanti degli ottimi propositi preventivati hanno trovato effettiva realizzazione pratica?

La prima cosa

Personalmente, la prima cosa che ho fatto appena aperte le gabbie, il 18 maggio, è stato trasgredire.

Trasgredire rispetto a me stessa: sono andata al ristorante – a pranzo: cliente n. 1 della fase 2 – mi sono seduta e ho ordinato una carbonara.

Non mangio carne, solitamente. Per convinzioni di salute ed etiche (non la faccio lunga, qui, ognuno mangia e vive come ritiene). Ma la prima cosa che ho fatto, post covid, è stato sbugiardare me stessa.

Già vi sento dire «Vabbeh, è una volta, un piccolo piacere: non succede niente!».

Lo riassume straordinariamente Veronesi nel suo libro La scelta vegetariana: chiesero a un cannibale come fosse possibile che nella sua tribù ci si cibasse dei figli delle tribù nemiche. «Sono bambini come i vostri», era l’osservazione dello studioso esterrefatto. «Sì, è vero, ma non sapete quanto sono buoni!», era la risposta. 

Il punto è che lì il divorare con piacere la carne dell’avversario è ammesso, è a sistema. Non è trasgressione: è prassi.

Insomma, in questo simpatico quadretto, il cannibale ha seguito le regole; la fuorilegge sono io.

Una marachella!

Quanti di noi, come prima cosa post covid, si sono sorpresi a non recuperare antichi piaceri semplici ma, anzi, a fare una eccezione, quasi una “marachella”?
Ecco, allora, l’effetto Navigli. O la piazza di Brescia – Brescia! – gremita di gente. 

Ci eravamo detti che usciti dall’emergenza saremmo stati migliori. Che avremmo cambiato il mondo e noi stessi in meglio.

Eppure il primo istinto – per me almeno – è stato chiedere un rimborso per quanto di sano, giusto e corretto ho fatto nei due mesi di emergenza.

«Ho fatto ciò che dovevo, ora datemi un attimo per far ciò che non si può»

Forse è stata una reazione personale, forse invece è un comune istinto umanissimo. Ma nel caso fosse la seconda ipotesi, vi prego: “trasgredite responsabilmente”. Senza farci ripiombare in pieno lockdown, con le vostre eccezioni.

Eravamo così romantici, mentre ci immaginavamo a passeggiare al tramonto con i piedi nella sabbia, recitando “One day I wrote her name” di Edmund Spencer.
Magari tra questo e lanciarci ubriachi in una entusiastica gara di sputi, scegliamo una via intermedia, realistica ma sana.

Perché ognuno vive come ritiene, eh, ma l’estate chiusi tra le mura domestiche – vi prego – no!

NdR. Nessun bambino è stato divorato per scrivere questo pezzo. Si chiede invece scusa alla famiglia del maiale per quel colpevole atto di debolezza. Nessuna collettività è stata maltrattata attraverso l’espressione “La famiglia del maiale”. Se qualcuno si sentisse toccato dall’espressione in questione, si precisa che il riferimento a fatti e persone è, davvero, puramente casuale.

Leggi anche:
Quanto è bella la Fase 2!
I 10 titoli più assurdi della settimana
Covid-19, siamo alla Fase “Comiche igienistiche”

Foto: Image by bridgesward from Pixabay 

Categorie: Altri blog