nelson mandela

Pago con un sorriso

Banconote Sudafrica Nelson Mandela

In Sudafrica stanno iniziando a circolare le nuove banconote da 20, 50, 100 e 200 Rand. In tutte c'è l'immagine di Nelson Mandela che sorride. Sono bellissime!
E se l'Italia uscisse dall'euro e passasse alla moneta sudafricana?

LEGGI QUI LE ALTRE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Io, Nelson Mandela. Conversazioni con me stesso

Lasciamo al presidente Barack Obama l'onore di presentarvi il libro di questa settimana, una novita' che non poteva mancare nel LIBRI: Io, Nelson Mandelanostro catalogo di informazione libera e indipendente.
Io, Nelson Mandela. Conversazioni con me stesso” e' un libro straordinario, viene gia' definito l'evento editoriale dell'anno, ma non definitelo un'autobiografia.
Scrive Mandela in una lettera del marzo 1971: “Rimarro' fedele alla nostra promessa: non dire mai nulla di sconveniente sull'altro […] Il problema, naturalmente, e' che gli uomini di maggior successo sono inclini a qualche forma di vanita'. Arriva un momento nella vita in cui considerano ammissibile essere egoisti e vantarsi in pubblico dei loro successi, unici al mondo. Che simpatico eufemismo per 'elogio di se'' ha coniato la lingua! Autobiografia...”
Buona lettura!

Io, Nelson Mandela
Prefazione di Barack Obama

Come tanti altri al mondo, ho conosciuto Nelson Mandela da lontano, quando era imprigionato a Robben Island. Per molti di noi lui era piu' di un uomo: era un simbolo della lotta per la giustizia, l'uguaglianza e la dignita' in Sudafrica e in tutto il pianeta. Il suo sacrificio era cosi' grande da incitare ovunque le persone a fare tutto cio' che era in loro potere per il progresso dell'umanita'.
Nel piu' modesto dei modi, sono stato uno di coloro che hanno cercato di rispondere al suo appello. Ho cominciato a interessarmi di politica negli anni del college, unendomi alla campagna di disinvestimento e per la fine dell'apartheid in Sudafrica.
Nessuno degli ostacoli personali che mi trovavo ad affrontare come giovane uomo era paragonabile a quello che le vittime dell'apartheid vivevano ogni giorno, e potevo solo immaginare il coraggio che aveva portato Mandela a rimanere in quella cella per cosi' tanti anni. Ma il suo esempio contribuiva ad aumentare la mia consapevolezza del mondo e del dovere che tutti noi abbiamo di lottare per cio' che e' giusto. Con le sue scelte, Mandela dimostrava che non dobbiamo accettare il mondo cosi' com'e', che possiamo fare la nostra parte perche' diventi come potrebbe essere.
Nel corso degli anni ho continuato a guardare a Nelson Mandela con ammirazione e umilta', ispirato dal senso di possibilita' che la sua vita dimostrava e sgomento di fronte ai sacrifici necessari per coronare il suo sogno di giustizia e uguaglianza. Di fatto, la sua vita racconta una storia che si erge in netta opposizione al cinismo e alla rassegnazione che cosi' spesso affliggono il nostro mondo.
Un prigioniero e' diventato un uomo libero; un simbolo di emancipazione e' diventato una voce appassionata a favore della riconciliazione; un leader di partito e' diventato un presidente che ha promesso la democrazia e lo sviluppo. Anche dopo avere lasciato gli incarichi ufficiali, Mandela continua a lavorare per l'uguaglianza, l'ampliamento delle opportunita' e la dignita' umana.
Ha fatto cosi' tanto per cambiare il proprio Paese, e il mondo, che e' difficile riuscire a immaginare la storia degli ultimi decenni senza di lui.
Poco piu' di vent'anni dopo aver fatto il mio ingresso nella vita politica e nel movimento per il disinvestimento come studente di college in California, sono entrato in quella che era stata la cella di Mandela a Robben Island. Ero appena stato eletto senatore degli Stati Uniti. La cella era ormai stata trasformata da una prigione in un monumento al sacrificio compiuto da cosi' tante persone per una trasformazione pacifica del Sudafrica. Mentre mi trovavo in quella cella, ho provato a tornare indietro nel tempo, ai giorni in cui il presidente Mandela era ancora il prigioniero 466/64, quando la vittoria nella sua battaglia era tutt'altro che certezza. Ho cercato di immaginare Mandela – quella figura leggendaria che aveva cambiato la storia – come l'uomo Mandela, che aveva sacrificato cosi' tanto per il cambiamento.
“Io, Nelson Mandela” offre uno straordinario contributo al mondo, restituendoci proprio l'immagine dell'uomo Mandela. Presentandoci i suoi diari, le sua lettere, i discorsi, le conversazioni e altri documenti che spaziano attraverso un arco temporale cosi' ampio, questo libro di regala uno scorcio della sua vita, dalle banali abitudini che contribuivano a far passare il tempo in prigione, alle decisioni che adotto' come presidente. In queste pagine lo vediamo come studioso e politico, come padre di famiglia e amico, come leader visionario e pragmatico. Mandela ha intitolato la sua autobiografia “Lungo cammino verso la liberta'”. Ora, questo volume ci aiuta a ripercorrere i passi – e le deviazioni – che ha compiuto durante il viaggio. Fornendoci questo ritratto a tutto tondo, Nelson Mandela ci ricorda di non essere stato un uomo perfetto. Anche lui, come tutti noi, ha i suoi difetti. Ma sono proprio queste imperfezioni che dovrebbero essere d'ispirazione per ciascuno di noi. Perche', se siamo onesti con noi stessi, sappiamo che affrontiamo battaglie piccole e grandi, personali e politiche, per superare la paura e il dubbio, per continuare a impegnarci anche quando l'esito della lotta e' incerto, per perdonare gli altri e sfidare noi stessi. La storia raccontata da questo libro – e la storia della vita di Mandela – non e' quella di esseri umani infallibili e di un inevitabile trionfo. E' la storia di un uomo disposto a rischiare la vita per cio' in cui credeva e che ha lavorato incessantemente per condurre quel genere di esistenza che avrebbe reso il mondo un posto migliore.
Alla fine, e' questo il messaggio di Mandela a ognuno di noi. Per tutti ci sono giorni in cui sembra che cambiare sia impossibile, giorni in cui le avversita' delle nostre imperfezioni possono indurci a desiderare di imboccare un sentiero piu' facile, che eviti le nostre responsabilita' verso gli altri. Perfino Mandela ha vissuto giorni come questi. Ma anche quando soltanto un tenue raggio di Sole penetrava in quella cella a Robben Island riusciva a vedere un futuro migliore, degno del suo sacrificio.
Anche quando ha dovuto fare i conti con la tentazione di cercare vendetta, ha visto la necessita' di una riconciliazione e il trionfo dei principi sul mero potere. Anche quando ha raggiunto il meritato riposo, ha continuato a cercare – e continua tuttora – di ispirare i suoi compagni e le sue compagne a mettersi al servizio dell'umanita'.
Prima di diventare presidente degli Stati Uniti ho avuto il grande privilegio di incontrare Mandela e dopo la mia elezione ho parlato in varie occasioni con lui al telefono. In genere sono conversazioni brevi: lui e' ormai giunto al crepuscolo della sua vita e io devo affrontare il fitto programma di impegni che la mia carica mi impone. Ma sempre, durante queste conversazioni, ci sono momenti in cui traspaiono la gentilezza, le generosita' e la saggezza dell'uomo. Quei momenti mi ricordano che dietro la storia che e' stata scritta c'e' un essere umano che ha scelto di far vincere la speranza sulla paura e di guardare avanti, oltre le prigioni del passato.
E mi rammentano che, per quanto sia diventato una leggenda, conoscere l'uomo – Nelson Mandela – significa rispettarlo ancora di piu'.

Barack Obama, presidente degli Stati Uniti d'America


NELSON MANDELA RECITAVA A MEMORIA QUESTA POESIA IN CARCERE

Gli dava forza, era il suo mantra.
(Scritta dal poeta inglese William Ernest Henley, 1849-1903.

INVICTUS

Dalla notte che mi avvolge
nera come la fossa dell’inferno
rendo grazia a qualunque Dio ci sia
per la mia anima invincibile.

La morsa feroce degli eventi non m’ha tratto smorfia o grido
sferzata a sangue dalla sorte non si e' piegata la mia testa
di la' da questo luogo d’ira e di lacrime
si staglia solo l’orrore della fine.
Ma in faccia agli anni che minacciano
sono e saro' sempre imperturbato.

Non importa quanto angusta sia la porta
quanto impietosa la sentenza.
Sono il padrone del mio destino:
il capitano dell'anima mia.

 

(Dal film “Invictus”. Un film che vi consiglio veramente. Imprevedibile. Fa capire l’avventura di Mandela piu' di un libro. E, cosa incredibile, il regista e' quel brutalone di Clint Eastwood, tutto avrei potuto pensare dell’ispettore Callaghan eccetto che realizzasse un film cosi'.)