Fiorivano le viole in una serata di dicembre

Facebook Instagram TikTok YouTube Twitter Jacopo fo english version blog

RESTIAMO IN CONTATTO!

Fiorivano le viole in una serata di dicembre

Noi della montagna siamo esseri solitari, poco inclini a spostarci dal nostro habitat naturale, specie la sera, specie in inverno.
Ho provato in tutti i modi a non andarci a quell’appuntamento che Silvia continuava a spostare di giorno in giorno, finché mi sono resa conto che continuare ad accampare scuse sarebbe sembrato veramente troppo scortese.
E allora ho coinvolto i miei amici Armando, artista, grafico, illustratore, e Stefano-Bertea (sì, proprio così, lui si chiama con nome e cognome), artigiano, problem solver, detto anche il Cavaliere Nero per l’aria da orco e perché ci sono giorni in cui è meglio stargli alla larga. Ma sono pochi.
Insieme a noi anche Silvia col suo cucciolo, trattasi di un cane che già a tre mesi pesa 12 chili, sembra un orso marsicano ma ha il carattere di Heidi, a lui sorridono le colline, i mondi e pure la pianura. Un entusiasmo alla vita decisamente irritante.
Sembriamo più un gruppo di punkabbestia che la delegazione di Alcatraz. 
L’Associazione “Fiorivano le viole” si trova a Perugia, appunto in via della Viola, praticamente in centro ma nascosta nei vicoli di questa città medioevale, bellissima e tutta salite e strade strettissime. 
Dalle mille luci della piazza passiamo immediatamente ai vicoli bui, sembra di entrare in un altro mondo, com’è che son 21 anni che son qui e ‘sto posto non lo conoscevo? Tacito la mia coscienza che mi ricorda che a Perugia se va bene ci vengo una volta all’anno e sgrano gli occhi. 
Ci sono alcune botteghe aperte: abbigliamento vintage, un laboratorio di non so cosa, sembrano sculture, foto, oggetti di cartoleria. Boh...
Poi un altro laboratorio di ceramica e arriviamo alla sede dell’Associazione dove in vetrina è esposto un presepe fatto con materiale riciclato: viti, fili elettrici, un tappo, una lampadina rossa (sarà uno dei re Magi...). A ricordare che presto sarà Natale alcuni alberelli appesi sopra le botteghe fatti di pigne, rami e un filo di luci. Ma sulle pareti esterne delle case sono stati appesi quadri raffiguranti i soggetti più disparati: uno enorme ritrae due bambini neri che giocano, un altro un albero, un altro una Madonna, nera anch’essa. 
Arriva Pietro, specializzando in medicina, e ci porta un po’ in giro. Hanno appena aperto una galleria d’arte dove incontriamo Elisa e Valeria. Mi parlano di Josè, il pittore di molti dei quadri esposti. Sono in mostra anche le opere delle ragazze, oltre a delle magnifiche ceramiche.
Ok, finalmente ci sediamo in un ristorante che si chiama “La Fame” dove incontriamo anche Donatella, e mi raccontano che...
L’Associazione “Fiorivano le viole” nasce un paio d’anni fa a Perugia con lo scopo di riportare in vita un quartiere ormai abbandonato. Decine le botteghe sfitte, le case pur avendo molti residenti erano un po’ trascurate, i vicoli troppo bui. 
Pietro, Donatella, Giovanni, Giuseppe vivono in questo quartiere e decidono che forse si può fare qualcosa: chiedono ai proprietari dei negozi abbandonati di concederglieli in comodato (vale a dire gratuitamente), ci avrebbero pensato loro ad affidarli a giovani artisti, artigiani così da far riprendere loro vita e con i negozi riprendeva così vita anche il quartiere. 
Intanto, oltre al lavoro per rimettere a posto i negozi, parte anche tutta una serie di altre iniziative: corsi, laboratori, concerti, installazioni artistiche in giro per la via...
“La cosa più difficile” ci racconta Donatella “E’ stato convincere il primo proprietario ad affidarci il suo negozio, poi con gli altri è stato più semplice”. Nell’arco di due anni sono circa 15 i negozi gestiti dall’Associazione. In questo tempo alcuni sono stati affittati dagli stessi artigiani, altri da chi ha visto che la zona rifioriva... come le viole. 
“Siamo indietro” dice Donatella e mi viene da ridere, in soli due anni questi ragazzi hanno fatto un lavoro incredibile, specie se si pensa che ognuno di loro ha un altro lavoro. 
Due anni e l’Associazione conta 400 iscritti, 50 ci lavorano attivamente. 
Ogni giorno nei vari laboratori si tengono corsi di disegno e acquerello per adulti e bambini, lezioni di pianoforte, chitarra, scultura, ceramica, carta, pittura e arredo, argilla. Poi ci sono i gruppi di lettura...
Ogni pomeriggio, fino a sera tardi, in via della Viola si può partecipare a qualcosa di interessante o anche semplicemente ludico.

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO