Non è vero che tutto va peggio! Il mondo lentamente migliora

Ecco il video della presentazione del libro scritto con Michele Dotti e edito dalla EMI (edizioni missionarie).
La percezione del peggioramento della società è un espediente demagogico e un effetto del catastrofismo che fa vendere i giornali.
I dati reali ci dicono che stiamo riuscendo a migliorare il mondo, costantemente da millenni.

Per acquistare il libro online clicca qui


Commenti

Sostanzialmente sono da sempre dello stesso parere. Il medioevo era sicuramente peggiore ma vorrei porre l'accento su un'altra questione:

Secondo me noi non stiamo migliorando il mondo ma stiamo migliorando noi stessi a spese proprio del mondo, dove per mondo intendo il pianeta che gentilmente ci ospita.

Sicuramente per quanto orribile fosse la società medioevale in modo inversamente proporzionale sicuramente tanto piu' bello e vergine (questa è la verginità che vogliamo) era il pianeta su cui viviamo, se pensiamo che l'Europa era ricoperta di foreste e che Napoleone andava a cavallo da Parigi a Madrid rimanendo sempre all'ombra!!!

Ecco io gradirei che tutti la smettessero solo e unicamente di pensare a noi credendo che siamo "il mondo" e che si cominciasse anche un poco a pensare a quello che ci circonda e che è quì da molto ma molto prima di noi!

Inoltre ciò che chiamiamo il mondo è soltanto il nostro modello sociale ma tutto non si esaurisce con il "nostro mondo" , ovvero la nostra società occidentale. 

Non riesco a dimenticare che c'è stato anche il mondo dei "nativi americani"  e che l'uomo cacciatore ancora oggi vive  in molte zone del pianeta meglio dell'uomo economico.

Ovviamente non ho letto il libro ma spero che conduca a conclusioni simili.  

Natura

Caro Jacopo fai bene a far presente che sotto molti aspetti la vita nell'universo (di cui siamo parte) si sta evolvendo con sempre maggiore raffinatezza e anche bellezza. E' meraviglioso il discorso dell'evoluzione dagli organismi unicellulari primigeni a quelli così belli e complessi di oggi. Complimenti.

Però secondo me va fatto un bilancio tra cose che stanno migliorando e cose che invece stanno peggiorando. Provo a fare un mio primo elenco veloce, così a memoria.

Cose che migliorano:

  • la salute delle persone grazie ai progressi della medicina e dell'igiene;
  • i diritti dell'umanità in senso giuridico (pensiamo all'abolizione della schiavitù);
  • l'istruzione e la cultura delle persone;
  • la comunicazione tra gli esseri umani grazie alla tecnologia e ai trasporti;
  • la possibilità di muoversi e divertirsi anche di notte;
  • il progressivo affrancamento dalla fatica e dal dolore fisico;
  • il valore dato al tempo inteso anche come godimento;
  • la cultura ludica;
  • la possibilità di esplorare lo spazio;
  • la condizione dei bambini;
  • i diritti degli animali;
  • la condizione della donna;
  • il valore dato ai sentimenti.

Cose che peggiorano:

  • l'inquinamento;
  • la radioattività provocata dall'uomo e sempre più pervasiva;
  • la deforestazione;
  • la violenza come valvola di sfogo della noia;
  • la mancanza di tempo;
  • le città del mondo che crescono sempre di più come abitanti ed edifici;
  • il sempre maggiore abbandono delle campagne;
  • la qualità e il sapore dei cibi;
  • l'universalità della cultura così ben presente nel Medioevo;
  • l'indebitamento finanziario;
  • la forbice tra i ricchi e i poveri.

Ora, si badi bene che è vero che il mondo sta migliorando ma è sempre sull'orlo della distruzione. E questo ha un unico grande responsabile: l'ingiustizia nella distribuzione delle ricchezze.