Oriana Fallaci ha ragione? Quarta puntata

(Prima puntata, seconda puntata, terza puntata)

Quando dico questo mi sento a volte rispondere che queste storie di colonialismo sono ormai vecchie e che non si può risalire ad Adamo ed Eva ogni volta. Ma qui non è questione di storie vecchi. L’Isis è stata finanziata l’altro ieri e che la Libia sia stata gettata nel caos dai francesi che finanziavano bande di delinquenti comuni non è storia antica. Parliamo delle cause immediatamente precedenti il disastro attuale. Non avremmo un flusso spaventoso di gente in fuga dal Afghanistan, Iraq, Siria e Libia se non avessimo costruito noi occidentali una colossale devastazione!
E la stessa lobby finanziaria che ha depredato il mondo con le truffe bancarie sta guadagnando trilioni di euro con la vendita di armi e i piani di ricostruzione dei paesi demoliti a suon di bombe: intere città da ricostruire.
Io credo che la prima grande opera che l'Occidente deve realizzare se vuole fermare la minaccia islamica sia quella di smettere di sostenere la corruzione, la criminalità, la dittatura nei paesi islamici. E potrebbe anche smettere di derubarli.
Ma anche così, ne convengo, non otterremo molto. Anche se io fossi il Presidente degli Stati Uniti non potrei, a questo punto, schioccare le dita e trasformare i governi dittatoriali che ho allattato per decenni in democrazie. Come abbiamo detto la democrazia non si esporta, ogni popolo deve far crescere dentro di sé la sua democrazia. Ma già smettere di tramare sarebbe un buon segnale. Perché deve essere chiaro che la questione islamica è costituita da una serie di fenomeni interconnessi.
Come abbiamo detto i paesi arabi rappresentano il cuore della questione islamica. E sono ricchissimi grazie al petrolio. L'Occidente ha sempre preferito che i prezzi del greggio restassero al di sotto del prezzo dell'acqua minerale all'ingrosso. E non lo dico tanto per dire. Un barile di petrolio sono 147 litri e poco più. Vai a vedere quanto costa oggi un barile, dividi per 147 e vedi se riesci a comprare un litro di acqua minerale per quel prezzo.
E per portare avanti questa rapina l’Occidente cristiano ha pensato bene di appoggiare un'elite patriarcale di allevatori guerrieri animata dal più totale disprezzo per la donna e la democrazia. Nei Paesi arabi i cittadini dovrebbero essere tutti benestanti e serviti meglio degli Svizzeri, vista la quantità di miliardi di dollari che gli Stati arabi guadagnano col petrolio. Invece questi soldi servono per i capricci di questi capi tribali che si comprano automobili, aerei, vasche d'oro massiccio e prostitute da ventimila euro a notte mentre il loro popolo patisce la fame, l'ignoranza e la mancanza di tutto quanto è necessario.
Non è che ci siamo comportati così male solo con gli islamici. Anche in Africa e in Sud America abbiamo brillato per il sostegno ai peggiori criminali: Bokassa, quello che teneva gli oppositori politici fatti a pezzi in frigo e li offriva impanati agli ospiti era appoggiato dagli Stati Uniti. Così come Amin Dada... Quello che faceva a pezzi personalmente gli studenti. Lui non li mangiava, si limitava a sezionarli. E non dimentichiamo che quando il Cile, tramite libere elezioni, ha eletto Allende come presidente, gli Usa hanno finanziato e protetto un colpo di Stato costato decine di migliaia di morti e torturati. Era l'11 settembre di molti anni fa.
Chiunque viva nel Terzo Mondo e abbia un minimo di cervello lo capisce subito che gli occidentali gli hanno fregato qualche cosa. Gli basta guardare una soap opera in tv per vedere che il suo stile di vita fa schifo rispetto a quello del più straccione degli uomini bianchi. Persino la miseria nel Terzo Mondo ha una misura imparagonabile alla nostra.
Se noi cristiani volessimo fare qualche cosa di buono potremmo smettere di comprare petrolio dai Paesi dove gli sceicchi si rubano tutto.
E come si fa? La nostra economia si fermerebbe istantaneamente. Il loro petrolio ci è necessario. E’ proprio vero? Oggi il petrolio è veramente indispensabile? In Brasile vanno in auto da trent'anni usando alcol al posto della benzina, basta una piccola modifica. E i diesel possono andare a olio vegetale. E la Germania ha dimostrato che si possono produrre milioni di kilowatt con il sole, le onde e il vento e farci andare le automobili. E ha dimostrato anche che si possono tagliare del 50% i consumi di combustibili per il riscaldamento. Basta isolare le case termicamente. E non costa neanche tanto. Il consumo medio di calore in Germania è di 80 chilocalorie a metro quadrato, in Italia più del doppio. E in Italia fa mediamente molto ma molto meno freddo che in Germania… Volete paragonare Catania con Amburgo? Se negli ultimi trent'anni gli italiani avessero isolato le loro case termicamente oggi avrebbero risparmiato tanto denaro quanto vale la casa che abitano. Invece ogni famiglia italiana ha buttato dalla finestra il valore della propria casa perché non ha capito cosa volesse dire "isolamento termico". E nessun governo ha mai cercato di spiegarglielo. E poi ormai le tecnologie fotovoltaiche e basate sull'idrogeno sono arrivate a tali livelli di efficienza che non è più una questione di invenzioni ma di volontà politica. Il prezzo del chilowatt da vento e sole, in situazioni ottimali, è già al di sotto del costo del chilowatt ricavato bruciando carbone. Si tratta di un sorpasso epocale perché il carbone era fino a ieri il combustibile meno costoso.
Se l'Occidente avesse realmente una botta di orgoglio e buon senso una cosa concreta potrebbe farla: tagliare il consumo di petrolio. E comprare il petrolio che continua a essere indispensabile solo da governi che usano concretamente il denaro ricavato per far crescere il livello economico e culturale dei loro cittadini. E nessuno di questi sceicchi sarebbe disposto a rinunciare ai soldi del petrolio. Davanti a una simile scelta preferirebbero trasformare i loro paesi in democrazie e perdere un po' di potere piuttosto che perdere tutto...