L'eredita' post-trapianto

Un signora inglese di 37 anni,  Cheryl Johnson, asserisce di essere diventata molto piu' intelligente dopo un trapianto di rene.
Prima appassionata di telenovelas e soap opera, subito dopo l'intervento ha iniziato a interessarsi di egittologia e passa la maggior parte del tempo a leggere Fyodor Dostoevsky e altri autori di spessore.
In una intervista al giornale inglese This is London ha dichiarato: "La potenza del mio cervello e' sicuramente aumentata rispetto a prima".
Esistono anche un paio di teorie scientifiche a riguardo: la prima, bollata da molti come "senza senso" parla di una memoria cellulare, secondo la quale la nostra personalita' e i nostri gusti non rispondono unicamente al  cervello, ma sono propri anche delle cellule del nostro corpo e dei nostri organi.
Altra teoria e' quella dell'eredita' post-trapianto: una ragazzina australiana, per esempio, ha mutato il suo gruppo sanguigno in quello del donatore dopo il trapianto e una signora statunitense che soffriva di vertigini ha iniziato a fare free-climbing.
Aveva ricevuto l'organo da uno scalatore.