Costi di un impianto di pannelli fotovoltaici. Quanto costano progettazione, assistenza e garanzie? Quali garanzie?

Facebook Instagram TikTok YouTube Twitter Jacopo fo english version blog

RESTIAMO IN CONTATTO!

Phyrouz dice che le hanno offerto un impianto di pannelli solari fotovoltaici da un kilowat a 5500-6000 euro. E ci chiede come mai noi parliamo di 7500 euro per l'installazione di un pannello solare fotovoltaico da un kilowat. Rispondo: è troppo facile fare prezzi bassi: è sufficente togliere dal conto alcuni costi. Di quelli ti accorgi poi...

INESATTEZZA RIGUARDO A COSTI DELL'IMPIANTO E FINANZIAMENTO
ciao, ho avuto modo di interessarmi, tramite un mio amico che lavora in questo settore, di installare, nella mia villa vicino Lodi un impianto fotovoltaico.

Il costo da voi ipotizzato 7.500 euro chiavi in mano x un kwp è ben al di sopra di quello a me proposto(da 5.500 a 6.000 euro x kwp a seconda della grandezza dell'impianto)..Ciò mi garantisce, nel caso voglia fare un finanziamento, di avere sempre un ritorno positivo(anche al netto delle rate da pagare alla banca!) ogni anno.

Quello che quindi non capisco è il perchè debba cedere il 75% del ricavato dalla mia produzione di energia alle banche..Visto che sono sempre in positivo(mi tengo tutto x me, perchè devo far guadagnare le banche? non hanno già parecchi soldi?)...Mi sono informato e a me il finanziamento lo danno su tutto il 100% con tassi in linea a quelli applicati x i mutui!

By phyrouz at 14 Aprile, 2007 - 14:30

Ecco la mia risposta:
Il problema dei prezzi è come si calcolano!!! Chiavi in mano?
Quando parliamo di prezzi ci riferiamo al costo chiavi in mano. Cioè comprensivo di installazione, collaudo, pratiche burocratiche, finanziamento, assistenza, garanzie.
Inoltre vorrei sapere se quel prezzo che ti hanno proposto prevede che tu vada personalmente a fare le varie pratiche in comune o che ci vada un tecnico.
Inoltre, importante: che garanzie ti offrono sull'impianto? Per quanti anni?
E che tassi di interesse ti chiede la banca per finanziamento?
Quanto ti costa l'assicurazione? Che rischi copre?
Quanto ti costa la manutenzione ogni anno?
E c'è un servizio di assistenza clienti?
Chi ti verifica la produzione elettrica e i pagamenti per 20 anni?
E' troppo facile sparare un prezzo nudo dei componenti fisici di un impianto e dimostrare che è inferiore al prezzo globale chiavi in mano+garanzie.
E tieni conto che abbiamo calcolato anche 500 euro di fondo di garanzia per garantire il nostro intervento se qualche cosa non va, sollevando l'acquirente da qualunque scocciatura con eventuali contestazioni, avvocati eccetera.
Solo se si calcola il prezzo complessivo si possono confrontare i prezzi.
Suppongo che tu ti renda conto che trovare i prodotti garantiti, certificare gli installatori e i progettisti, studiare i contratti e le garanzie, contrattare con banche e assicurazioni ha un costo. E' alto, perché devi affidarti ai migliori professionisti.
Se ti fai un giro sul web, e analizzi le proposte con attenzione, scopri che il prezzo medio di un impianto chiavi in mano va dagli 8000 (impianti normali) ai 10.000 euro (impianti speciali con inseguitore, focalizzatore, alta resa mq). (NOTA, qui c'era un errore che ho corretto, nella prima versione non era specificato che il prezzo di 10000 euro era per impianti speciali, do quindi ragione a Mauro che di seguito mi critica).

E nessuna proposta offre nemmeno la metà delle garanzie che stiamo mettendo insieme.
In questo momento molte ditte di incapaci o furbe offrono prezzi bassi ma nessuna garanzia.
E installano sottoprodotti scadenti che non sono corredati da certificazioni.

Il nostro primo obiettivo è proprio quello di garantire la maggior sicurezza possibile.
Un sistema di protezione del consumatore basato anche sulla struttura dei contratti: li vogliamo scritti dai nostri avvocati, persone che da piccole hanno sofferto e che considerano l'avvocatura come la continuazione della guerriglia urbana con altri mezzi.
Vogliamo dimostrare che è possibile creare un sistema d'acquisto controllato dai consumatori che entra in rapporto con aziende che scelgono di offrire un servizio sottoponendosi a sistemi di pre-certificazione e di pubblico giudizio sul web, nel sito del gruppo d'acquisto.
Quel che offriamo in realtà è un prodotto globale di un livello di qualità stellarmente lontano da quelli disponibili oggi.
Se tutti insieme ci riusciamo otterremo non solo un buon impianto a un prezzo giusto ma avremo anche creato un sistema, un procedimento, che potremo applicare ad altri prodotti.
Ad esempio ti interesserebbe un'auto che fa 100 chilometri con 2 litri di gasolio, in città va a elettricità, ha i pannelli fotovoltaici sul tetto, recupera l'energia della frenata e delle discese e e costa meno di 16 mila euro? Datemi 10 mila ordini e ve la trovo.

Per saperne di più del progetto vai a:
http://www.jacopofo.com/?q=node/2662

PS
Trovo che l'insieme di questo racconto-discussione sul web attorno alla costruzione del gruppo d'acquisto fotovoltaico, sia un'operazione letteraria interessantissima. Abbiamo lanciato il romanzo-bisness?

 


Commenti

Cioa a tutti,

Le garanzie e la serieta' di chi ti istalla l'impinato sono convinto siano fondamentali per massimizzare il "guadagno a lungo termine" del cliente finale.
Inoltre personalmente ritengo molto importante anche tenere in considerazioen l'aspetto "ecologico" che e' (o dovrebbe essere) la motivazione principale che ci porta alla decisione di montare un impianto. Esistono infatti dei pannelli che sostituiscono il silicio (abbassando i costi) ma utilizzando cadmio che e' molto inquinante.
Inoltre come dice giustamente Jacopo stanno spuntando come funghi ditte, consorzi, progettisti, istallatori... aveer una garanzia della serieta' e' fondamentale ed e' fondamentale non scegliere l'impianto solo ed esclusivamente in base al costo poiche' potremmo pagare meno oggi ma pagare di piu' in futuro!! Oppure ritrovarci un impianto ch eproduce meno energia di quella "concordata"!!.

Per Il gruppo di acquisto sul fotovoltaico (e sui prossimi acquisti... visto che sono interessato alla macchina che proponevi!!! ;-) non sarebbe il caso di creare un "sito ad Hoc"? Magari inserendo un forum per le discussioni e una sezione con le risposte alle domande frequenti... (anch enell'otticadi ricavarci un LIBRO!!! :-D )

Alla prossima
Fabio

caro Jacopo,

la tua risposta a Phyrouz non mi e' piaciuta.

hai scritto tu: Il problema dei prezzi è come si calcolano!!! ..

(ecco allora per favore mostraci come sei arrivato a 7 500 euro voce dopo voce)

ancora tu: Se ti fai un giro sul web, e analizzi le proposte con attenzione, scopri che il prezzo medio di un impianto chiavi in mano va dagli 8000 ai 10.000 euro. E nessuna proposta offre nemmeno la metà delle garanzie che stiamo mettendo insieme.

(non e' vero)

sempre tu: In questo momento molte ditte di incapaci o furbe offrono prezzi bassi ma nessuna garanzia.
E installano sottoprodotti scadenti che non sono corredati da certificazioni.

(fammi nomi e cognomi ed esempi concreti oppure quello che dici non vale)

Grazie,
Mauro

Caro Mauro,
entro poche settimane saremo in grado di presentare la nostra proposta. che ovviamente specificherà tutte le voci una per una. Non stiamo discutendo in astratto. Noi stiamo realmente lavorando per ottenere la miglior offerta al prezzo migliore. Ed è ovvio che il nostro primo obiettivo è quello di formulare un'offerta precisa. Sennò chi vuoi che aderisca al gruppo d'acquisto?
Capisco che tu sia convinto che io sono peggio di un bandito da strada ma dovresti almeno concedermi un po' di buon senso. Ed è ovvio che mostreremo come invece vengano strutturate alcune offerte furbesche, evidenziando cosa la proposta include e cosa non include. Vedi non solo vogliamo che le persone possano comprare a prezzi onesti e con le giuste garanzie. Vogliamo anche fare un'operazione culturale di informazione su come dovrebbero essere strutturati i contratti per essere equi. Un principio che una volta affermato sui pannelli solari si potrà applicare ad altri prodotti.
Sì, caro Mauro, perché non solo vogliamo arricchirci in maniera sibaritica, vogliamo anche cambiare il mondo: so che non ci puoi credere ma è così. Esistiamo ancora. Siamo i fottuti comunisti di sempre.
Quello che trovo scioccante è questa aggressvità. Secondo te siamo pazzi e proponiamo prezzi demenziali? Ok, non aderire.
Ma cosa ti fa incazzare? Che ho detto che le offerte vanno dagli 8 mila ai 10 mila? (QUI HO FATTO UN ERRORE VEDI NOTA) abbiamo fatto un giro in internet, chiesto preventivi, fatto le somme di quel che si metteva dentro il contratto e di quel che si metteva fuori. Questi sono i nostri conti. Stai tranquillo che nella campagna pubblicitaria metteremo anche questo. Saremmo pazzi a non farlo.
Dobbiamo fare i nomi degli installatori incapaci?
E perché? Hai dubbi sul fatto che ci siano installatori improvvisati? Ma in che mondo vivi? Telefona a qualche azienda e fatti dire i problemi che hanno quotidianamente. Io l'ho fatto. Mi hanno parlato addirittura di pannelli termici montati al contrario. Non ci credi? Pazienza. Sopravviverò al dolore.
Non sai che sul mercato ci sono pannelli solari di vecchia generazione? Non sai che ce ne sono che dopo pochi anni non vanno più? Ma i sottoprodotti esistono in tutte le categorie merceologiche... Di cosa dobbiamo discutere? Del fatto che solo alcune aziende vendono pannelli certificati da enti indipendenti? E' un fatto. Informati.
Cioè credo che se ci ragioni un attimo ti rendi conto che probabilmente ti sto sul cazzo per altri motivi. Non posso credere che tu sia convinto veramente che per uno strano fenomeno cosmico il settore pannelli fotovoltaici sia l'unico immune da orde di furbi e incompetenti. Spero di non spezzarti il cuore dicendoti che sono ovunque, anche nel settore ecologico. Io voglio comprare pannelli solari sicuri e faccio un gruppo d'acquisto.
Tu comprateli da un'altra parte e stai contento.

CORREZIONE
Mi sono accorto che c'era un errore in questo testo: il prezzo dei pannelli solari da 10.000 euro è relativo a impianti speciali con inseguitore. In questo Mauro ha ragione. GRAZIE per la correzione.

1) Vengo a conoscenza di un gruppo di acquisto per il fotovoltaico.
2) Il coordinatore non e’ un imprenditore ne' un uomo di business. Fa l’idealista.
3) Mi iscrivo.
4) Faccio l’idealista anch’io.
5) Passano і giorni.
6) Passano і giorni e nel frattempo si informano su tutto loro.
7) Io sono solo un bravo consumatore potenziale.
8) Banche, fornitori, installatori, avvocati scelgono tutti loro.
9) Fanno tutto loro e dal sito referente si possono leggere soprattutto avvertimenti del tipo : attenti alle truffe. La’ fuori e’ pieno di furbi ! e giusto due cifre : quella dei consumatori potenziali e quella del costo ipotizzato per un kwp chiavi in mano.
10) Sia chiara una cosa :
11) Se qualcuno trova prezzi piu’ bassi si sbaglia.
12) Mi fido.
13) Te l’ho detto al punto 3 : faccio l’idealista anch’io.
14) Ma ecco uscire fuori che un punto cruciale del fotovoltaico e’ l’installazione dell’impianto.
15) Alcatraz l’ha capito, organizza un corso per installatori e lo dice a tutti.
16) Cosa serve per partecipare al corso ?
17) Si deve essere laureati in una materia attinente?
18) C’e’ bisogno di esperienze specifiche?
19) No!
20) Bastano seicento euro.
21) Per tre giorni di corso.
22) Poi anche se fino a quel giorno non avevi avuto alcuno tipo di esperienza sei pronto per fare lo stagista.
23) (Perche’ invece prima dei tre giorni di corso no?)
24) Fino a poco tempo fa per fare lo stagista bastava avere voglia di lavorare gratis.
25) Fino a poco tempo fa.
26) A questo punto m’incazzo.
27) M’incazzo e cosa faccio?
28) Penso.
29) Penso: cazzo questi chiedono 600 euro per 3 giorni di corso. Col cazzo che gli do 30 000 euro per installare і miei pannelli solari.
30) Cosi’ elimino la email e non faccio altro.
31) Anzi no: torno a lavorare.
32) Passa un giorno.
33) Bum. Altre cifre sparate su internet.
34) Qualcuno ha trovato una cifra piu’ bassa ?
35) Non e’ vero !
36) Perche’ ?
37) Perche’ lo dicono loro.
38) Si ma perche’ ?
39) Te l’ho detto il perche’ : lo dicono loro.
40) Sarai mica fascista ?
41) Decido di mettere un messaggio sul blog.
42) Si perche’ almeno via email due offerte piu’ basse (a parita' di garanzie) le avrei trovate anch’io.
43) La reazione di loro :
44) Eccone un altro. Addirittura questo « scrive in aggressivo ».
45) La risposta di loro :
46) Mr. Bassetti ce l’ha con noi. Siamo shoccati. Frignatina. Ma chi cazzo sei ? Sia chiara una cosa : і buoni siamo noi! Se non ci credi INFORMATI.
47) Ed ecco il messaggio finale : vattene !
48) Va bene.
49) Me ne vado.
50) Mai stato buono io.
51) Lo sapevo che fra noi sarebbe finita presto.
52) Ma prima chiariamo una cosa:
53) IO NON CE L’HO CON JACOPO FO.
54) In non ce l’ho mai avuta con Jacopo Fo. Non ho mai parlato male di lui. Certo non ho mai usato neanche parole buone su di lui. Diciamo che su di lui non ho mai detto niente. Penso che sia uno scrittore mediocre, questo e’ vero, ma mica posso fargliene una colpa ? Basta non leggerlo. Penso anche che sia un’idealista pasticcione. E per questo mi puo’ stare pure un po’ simpatico.
55) Penso anche che i meriti dei genitori non ricadono sui figli. Le colpe si. La stima no.
56) Penso solo che uno che mi chiede 600 euro per un corso di 3 giorni mi fa incazzare. Hai voglia poi a scrivere che sei un comunista e che sogni di cambiare il mondo. Hai voglia a mettere in piedi laboratori di ricerca su informazioni antagoniste a proposito di pompini e emorroidi se poi sugli argomenti cazzuti pretendi che decidano tutto loro !
57) Io ce l’ho con te ? mi chiedi 600 euro per un corso da installatore di pannelli solari e poi sono io quello che ce l’ha con qualcuno ?
58) In che mondo vivo ?
59) Mah!
60) Ma insomma : posso non essere contento del management di un gruppo di acquisto al quale sono iscritto perche’ finora l’unica cosa che mi ha detto e’ che la’ fuori il mondo e’ pieno di furbi e truffatori (meno male che ci sono loro) ?
61) oppure SE SONO SCONTENTO SONO UNO STRONZO?
62) Gia’ perche’ non penso che Jacopo Fo’ sia un disonesto o che stia facendo le cose in malafede.
63) Te lo dico un’altra volta perche’ questo punto deve essere chiaro : NON PENSO CHE JACOPO FO SIA UN DISONESTO E CHE STIA FACENDO LE COSE IN MALAFEDE
64) Penso pero’ che questo gruppo di acquisto possa essere organizzato molto meglio.
65) Perche’ c’e’ in bella vista il numero dei consumatori pronti a comprare e quello delle societa’ di installazione contattate no?
66) Davvero le avete contattate proprio tutte? Solo in Italia o anche all’estero ?
67) E quello delle banche ?
68) E degli avvocati?
69) Perche’ non mettere in piedi un database aggiornabile da chiunque su preventivi e informazioni varie ?
70) Funziona per alberghi, tariffe telefoniche e tanti altri prodotti, puo’ funzionare anche per i pannelli solari ?
71) Anzi perche’ non farne due di database? : uno filtrato da loro con regole di inserimento preciso e l’altro no. L’altro dovra’ essere una giungla. Come questo blog dove potra' dire la sua anche un Bassetti qualunque.
72) E poi vediamo da quale database esce fuori il prodotto migliore.
73) Ma cazzo uno parla tanto di democrazia energetica ; uno crede che il male nel mondo stia nel fatto che l’energia e l’informazione e’ in mano a poche mani ; uno prova a fidarsi di chi dice di ribellarsi ai loro di sempre ; e poi, basta che fai una domanda contro, non importa se a torto o ragione e subito un’altra volta ti ribecchi del coglione ?
74) Gia’ perche’ posso avere anche torto su tutto quello che ho scritto in questo e nell’altro messaggio e voi (cioe’ loro) siete davvero la nuova e vera bibbia.
75) Ma magari no.
76) E qualche sbaglio nella gestione di questa storia l’avete fatto pure voi.
77) Volevo dirtene 100, te n’ho dette solo 77

Caro Mauro,
ho veramente ammirato il modo razionale con cui hai espresso la tua posizione. E ti ringrazio per aver abbandonato il tono rissoso.
Alla fine hai anche fatto una battuta. Bene.
Tutto quello che dici va benissimo e non posso che condividere il tuo punto di vista.
In un mondo di merda è giusto diffidare di tutti.
Ma sei sicuro che il mondo sia poi così di merda?
Io credo che alla fin fine il mondo sia un posto meraviglioso e pieno di persone di qualità che vogliono fare qualche cosa di utile per gli altri perché godono del lusso della generosità. Gli imbecilli in realtà sono veramente pochi. Più che altro ci sono molti delusi. Per questo ho fatto la follia di mettermi in questo progetto, che è basato sulla capacità di mettere insieme persone oneste e abili, rischiando di fallire e rimetterci la faccia.
E’ già… Non stiamo proponendo di firmare una petizione contro Berlusconi. Stiamo proponendo di spendere decine di migliaia di euro. Se non facciamo tutto per bene ci troviamo con gente che ci dà la caccia nella notte per tutta la vita!!!
Conosco il popolo dei ribelli. Preferirei mille volte avere alle costole tutto il Kgb che essere messo al bando dalla mia tribù.
Dove potrei vivere?
Ma ti rendi conto?!?

Spero che via via che questo progetto prenderà forma tu ti renda conto che NON stiamo facendo i furbi. Il tempo è galantuomo.
Quando vedrai la nostra proposta definitiva, con tutti i numerino chiari, e vedrai come costruiremo gli impianti e leggerai i commenti di chi ci ha dato la fiducia, forse sarai felice di constatare che esiste l'onestà e che la stima non sempre è mal riposta.
Spero che ci riusciremo. Non è detto, se alla fine la proposta che tireremo fuori NON sarà all'altezza dei nostri desideri la butteremo via e chiederemo scusa a tutti per il tempo perso.

Per quanto riguarda quel che dici su quanto intanto stiamo facendo mi permetto di dirti che stai usando le lenti del bordello per guardarci. Sei un po' prevenuto!
Dove c'è scritto che se fai un corso di tre giorni diventi installatore?
Dio bono evidentemente non sono stato chiaro ma non credo proprio che quel che ho scritto dicesse questo.
Cazzo stiamo ripetendo che vogliamo installatori con le palle!!!
E certificati per giunta!
Il corso è solo il primo passo. E costa 600 euro proprio perchè ti permette di entrare in un processo formativo che poi non ti costerà una lira. Ci piacerebbe offrirlo gratis ma in questo momento non abbiamo i mezzi per farlo. Ed è indispensabile farlo adesso! (Sai quante volte abbiamo offerto corsi di questo tipo gratis? Pensi che io sia sempre lì a cercare di arricchirmi?).
Come spieghiamo a chi ci chiede informazioni sul corso abbiamo preso contatto con una serie di aziende di installazione di provata esperienza perché offrano dei periodi di tirocinio, permettendo di aggregare le persone formate da noi ai loro installatori e di imparare sul campo montando impianti. E quando si valuterà che hanno imparato bene verranno monitorati passo passo nella realizzazione del loro primo impianto.
Si tratta di un progetto formativo sul quale puntiamo molto perchè le aziende del settore non riescono a fronteggiare le richieste del mercato. Riuscire a formare veramente dei professionisti sarebbe per Alcatraz un successo “aziendale” enorme, con smisurate ricadute di lavoro per il futuro. E da sempre è la formazione il nostro core bisness, non certo vendere pannelli. Se cerchi di capire dove noi ci si guadagni in questa operazione eccoti la soluzione. Pensiamo di poter dimostrare di saper contribuire alla formazione di professionisti capaci di realizzare la rivoluzione delle ecotecnologie.
E speriamo in questo modo tornare a lavorare 10 mesi all’anno come centro di formazione nelle eco-tecnologie.
Cioè saremmo dei cretini se per incassare qualche migliaiao di euro ci fregassimo un’opportunità che aspettiamo da 25 anni.
Lo scopo di Alcatraz è di diventare un centro di formazione e cultura alternativi. Per questo si chiama Libera Università di Alcatraz!

Per quanto riguarda poi la democrazia del progetto non ho ben capito la tua idea del database. Qui non si tratta di trovare la miglior offerta in termini di manufatti da comprare o di installatori. A noi questo non interessa tanto quanto il costruire una macchina legale-contrattuale-certificante che dia le maggiori garanzie possibili. E' un problema che non è misurabile in chili. Dobbiamo scegliere di chi fidarci, a quale commercialista credere. E questo richiede lavoro di inchiesta, di vaglio, di confronto.

In questo momento stiamo spendendo un sacco di energia e di ore di professionisti pagati lautamente per scoprire come architettare tutto il sistema.
In realtà il costo di installazione puro è il più piccolo dei problemi. In questo settore i ricarichi sono minimi e comprando grandi quantità di pannelli di buona qualità si va a pagare 1 kilowat intorno a 3100 euro (sto parlando del solo pannello SENZA tutti gli aggeggi che ci vanno attorno).

E per quantificare il resto dei componenti dell'impianto e del lavoro ci vuol poco, ci sono precise tabelle professionali dalle quali non si scappa.
(Stiamo realizzando tavole comparative tra le diverse soluzioni possibili per rendere chiaro tutto questo discorso, un impianto a terra costa generalmente di più di uno sul tetto, un impianto con inseguitore rende il 30% di più ma costa pure di più, e costa di più un impianto ad alta resa incassato rispetto a uno comune).
Quando arriveremo ad avere tutte le proposte di prezzo per ogni singola parte della realizzazione ti accorgerai che il prezzo finale varierà rispetto al prezzo nudo del prodotto proprio in ragione dei tipi di garanzia che si offrono. Comprando in centinaia avremo cioè prezzi molto migliori che singolarmente ma rinunceremo a una parte del risparmio possibile per offrirci le migliori garanzie e i migliori servizi di gestione. Questa è la premessa che ho espresso chiaramente fin dall’inizio. Non puntiamo al miglior prezzo ma alla miglior garanzia globale ed è ovvio che questo abbia un costo.
Il prezzo nudo è una sola! se volessi fare soldi potrei benissimo offrire il prezzo nudo.
Ma sarei un bandito!
Ti vendo senza calcolare nessun costo collaterale l’impianto, tu abbocchi e poi ti frego con la manutenzione, l'assicurazione, l'assistenza tecnica al contratto con Conto Energia, ti calcolo diritti di chiamata esorbitanti in caso di guasto, lascio a te tutto l’onere di eventuali problemi con l'installatore, l'Enel ecc.
E' proprio il contrario di quel che vogliamo realizzare!
In questi 7 anni nei quali ho collaborato con www.commercioetico.it ho visto quanto sia importante offrire all’acquirente un servizio di garanzia ed essere in grado di fornire un trattamento improntato sul rispetto.
Se qualche cosa non va non la paghi. Se c’è un problema me ne faccio carico io. Ti GARANTISCO perché tu per me sei il valore più grande. Il valore della REFERENZA. Commercioetico non aveva milioni di euro da investire in pubblicità. Ha investito in cortesia!
Ed è stato un affare. Sto dicendo che anche essere onesti può rendere in maniera sibaritica!
In 25 anni a Alcatraz è successo che delle persone non fossero soddisfatte perché in effetti qualche cosa non era andata per il verso giusto. In questi casi ho sempre restituito tutti i soldi.
Sono convinto che fare così conviene, alla lunga. E guarda che magari è anche per questa consolidata pratica di correttezza che i commenti della gente che viene a Alcatraz son così positivi, puoi leggerli nel guest boock.
Ed è per lo stesso motivo per il quale www.commercioetico.it è restato in piedi negli anni di crisi terribile di internet. I loro 10 000 acquirenti via web evidentemente hanno visto con quanta cura Gabriella, Maria Cristina e Sabina si occupavano di ogni problema, sempre mettendosi dalla parte del consumatore.
Insomma, Mauro, perché non vuoi concedermi almeno il dubbio che non stiamo cercando di fregare nessuno?
Non sarebbe bello se si riuscisse a realizzare un affare che faccia contenti tutti?
Non riesci a pensare che riuscire a organizzare una cosa del genere sia il più grosso affare che possiamo realizzare?
Io credo veramente nella cooperazione. Credo negli affari dove tutti ci guadagnano. Certo che voglio guadagnarci anch’io. Ma ho scoperto che è più divertente farlo insieme agli altri e non contro gli altri.

Caro Jacopo,
Sono contento che mi ami, ma e' in nome del sole e non dell'amore che ti scrivero' le prossime parole ..

Ma davvero le aziende del settore non riescono a fronteggiare le richieste del mercato ?

E davvero Alcatraz vuole diventare una brava libera universita’ formatrice ?

Va bene.

Va bene naturalmente anche che il corso abbia dei costi. Ci mancherebbe.

Quello che non va bene e’ a chi questi costi sono stati chiesti.

SECONDO ME un corso formativo che si presenta con l’intenzione finale di inserire risorse umane nel mercato del lavoro NON DEVE essere finanziato dai partecipanti al corso bensi’ dalle societa’ del settore di interesse.

Sinceramente quando ho cominciato a scriverti le mie perplessita’ a proposito di questo argomento le lenti del bordello non ce l’avevo.

Me le mette ora.

Considerato l’elenco degli argomenti del corso si puo’ ritenere che la materia in questione sara’ trattato in maniera esaustiva.
Ma tre giorni basteranno per trattare ogni argomento in maniera esauriente ?

E’ pronta la scheda con la quale alla fine del corso si chiedera’ agli studenti di giudicare il corso ed i suoi professori? Se no, fareste meglio a farlo. Se si, per favore ditelo (e' un segnale che fa sempre comodo).

In tutto il Nord Europa questo genere di corsi e’ organizzato in prima persona delle imprese migliori oppure da societa’ che di lavoro organizzano corsi di lavoro. E sono le imprese e nessun altro a pagare per la loro realizzazione. Le persone (in multinazionalese si chiamano risorse umane) che partecipano a questo genere corso, non solo non pagano, ma spesso alla prima ora del primo giorno firmano il loro contratto di assunzione.
E guarda che risorsa sarebbe una bella parola, soprattutto quando viene prima di persona.

Riuscire a organizzare un corso finanziato dalle societa’ interessate all’assunzione di nuove risorse umane (l’hai scritto tu che le aziende del settore non riescono a fronteggiare le richieste del mercato (te l’ho detto che mi fido :-) ) aumenterebbe notevolmente la qualita’ e le possibilita’ di successo dell’iniziativa.

Vi auguro in futuro di riuscirci.

E vi auguro anche cordialmente buon lavoro.

Con affetto,
Tuo Mauro

Sarebbe stato molto meglio se fossimo riusciti a organizzare il corso gratuitamente per gli allievi e farlo pagare a una ditta. Non ci siamo riusciti ma spero che per i prossimi ci riusciremo.
Ti devo dare ragione anche su un'altro punto. Ho scoperto che avevo commesso un errore scrivendo i prezzi che abbiamo rilevato sul mercato, "da 8000 a 10000 euro" per un kilowat.
I nostri tecnici mi hanno fatto notare che un impianto normale (con progettazione e tutto)viene venduto sugli 8000 euro, il prezzo 10 mila euro è relativo a impianti speciali con inseguitore, focalizzatore, resa di un kw x 5 mq, eccetera.
Ho corretto il testo aggiungendo le mie scuse.

Ritengo che in questa fase del progetto FV ottimismo e pragmatismo debbano andare di pari passo. Bisogna sfruttare tutte le energie senza disperderne per polemiche. Oltre alla possibilità di democraticizzare la discussione via internet ( magari con interventi piu' brevi ) sarebbe a mio parere opportuno fare piu' cultura mirata sul settore FV in Italia e nei paesi dove questo processo e' gia' in avanzato stato di realizzazione . Magari non un Blog meglio un sito specializzato a cui tutti gli aderenti possano fare riferimento e conoscere cosi' lo stato dell'arte del progetto.
Sono interessato al progetto ma ancor di piu' l 11-13 Maggio a conoscere le persone che lo portano avanti