Investimenti etici: 11 febbraio 2011. Ad Alcatraz per creare nuove imprese.

Facebook Instagram TikTok YouTube Twitter Jacopo fo english version blog

RESTIAMO IN CONTATTO!

In questo momento caotico per l’Italia ci sembra importante dar vita a iniziative che creino speranza e che rispondano realmente ai bisogni della gente: lavoro e casa innanzi tutto.
Vogliamo creare nuove imprese che seguano il principio del capitalismo etico di cui parla Mohamad Yunus nel suo ultimo libro: “La fine della poverta'”.
Lo spettacolo agghiacciante della politica ci conferma nell’idea che solo un modo di pensare e affrontare i problemi in modo diverso possa innescare una rivoluzione culturale nel nostro Paese.
Cerchiamo investitori e professionisti che vogliano camminare con noi in questa direzione creando opportunita' che non esistono e al contempo salvaguardare il potere di acquisto del loro denaro oggi pesantemente minacciato da una situazione di drammatica instabilita'.
Le proposte che lanciamo sono due.
La prima riguarda la costituzione immediata di una S.p.a. blindata che per statuto ha l’unico scopo di acquistare un terreno e renderlo disponibile per la costruzione di un ecovillaggio, con interventi di sistemazione delle infrastrutture e di progettazione, vendendo poi gli appartamenti prima di iniziare la fase di costruzione.
La seconda proposta riguarda la creazione di un servizio che metta a disposizione le competenze di centinaia di professionisti aiutando così i cittadini ad affrontare problemi di  lavoro, diritti, formazione, salute, rendendo piu' semplice sfruttare appieno opportunita' che sono disponibili solo in teoria in mancanza delle “dritte” per coglierle.
Nel proseguo di questo articolo chiariro' meglio queste due proposte.
Prima pero' voglio raccontare la modalita' di questo incontro.
Innanzi tutto sara' possibile seguire le presentazioni e il dibattito che si svolgera' a Alcatraz, anche via web su http://www.alcatraz.it.
L’idea e' poi quella di creare un tipo di incontro nuovo, non discutiamo di politica ma di come realizzare concretamente e subito idee imprenditoriali innovative.
Negli Usa esistono da tempo convention che mettono in contatto persone che hanno idee con manager e investitori.
Ci si incontra, si ascoltano le proposte e alla fine chi e' interessato prende accordi operativi e si creano incubatori per i progetti che hanno trovato sostegno.
In Italia non esistono ambiti di questo tipo e si vede. La causa e' la mancanza di dinamismo imprenditoriale e il riproporsi ossessivo di vecchi schemi e vecchi gruppi economici. La scommessa e' notevole: esiste oggi un pubblico interessato concretamente a cambiare modalita', e fondare un sistema nuovo per dare vita a nuove tipologie di “affari”?

Oggi partiamo con due idee ma l’intenzione e' quella di progettare una serie di incontri di questo genere in futuro.

Detto questo passiamo a analizzare in modo piu' dettagliato le proposte che vogliamo far nascere l’11 febbraio.

Investire nella creazione di  ecovillaggi ad alta efficienza energetica, con possibilita' di condivisione di alcuni servizi, qualita' certificata degli immobili, possibilita' di autocostruzione.
E se iniziassimo a creare strumenti per difendere il valore dei nostri risparmi?
Dove li metti i tuoi risparmi?

Non e' elegante parlare di soldi.
Ma la questione del risparmio non possiamo far finta che non esista…
Tanto piu' che i soldi sono anche potere.
Quando metti il tuo denaro in un fondo di investimento o direttamente in azioni, finanzi le imprese che scegli.
E quando scegli di finanziare il mondo delle multinazionali metti anche a rischio i tuoi soldi, perche', come si e' visto negli ultimi anni, oltretutto il sistema e' taroccato.
Il capitalismo non si limita a pagare poco il lavoro di miliardi di persone e a spacciare prodotti di scarsa qualita' e svariate truffe e truffette commerciali. Ti frega anche i risparmi. In questi anni abbiamo assistito a veri massacri economici perpetrati ai danni dei piccoli e dei medi risparmiatori. A volte ci hanno rimesso le penne anche i pesci grossi… E’ un gioco al massacro…

E su questo fronte in Italia si potrebbe fare di piu'.

Particolarmente sarebbe utile in un momento difficile e rischioso come questo.

Chi ha qualche soldo da parte si trova di fronte a un grosso problema: dove metterli?
Ci sono poche alternative per chi non ha voglia di fare il bove nel parco buoi (come i finanzieri chiamano i piccoli risparmiatori, il parco buoi si foraggia nei tempi rosei e si macella appena va giu' il mercato).

In questo momento i prodotti sicuri (fondi etici o obbligazioni di stati con tripla A) pagano poco…

Sappiamo che nel mondo della finanza etica si sta pensando a prodotti di nuovo tipo. Imitando i tedeschi si potrebbero, ad esempio, costruire cooperative di risparmio che investano in eolico e fotovoltaico.
Qualche esperimento e' stato fatto anche in Italia (dal comune di Peccioli ad esempio) ma allo stato attuale non abbiamo la forza di lanciare un’operazione simile.
Mi viene allora la seguente idea: potremmo creare una societa' d’investimento che realizzi una sola impresa: costruire un ecovillaggio. Sarebbe il classico investimento ideale: mettere i soldi in un'attivita' che fa bene all’ambiente, alle persone che ci andranno ad abitare. Un’operazione non speculativa, con ricarichi moderati, che puo' mettere al sicuro il valore del denaro. Molto meglio che mettere i soldi in fondi di investimento classici che magari poi foraggiano le multinazionali piu' cattive del pianeta.
Il successo dell’Ecovillaggio Solare di Alcatraz (http://www.jacopofo.com/ecovillaggio-solare-ambiente) dimostra che esiste una grande domanda di case ecologiche, energeticamente efficienti, all’interno di complessi che offrono l’opportunita' di condividere alcuni spazi condominiali (piscina, sala multifunzionale, lavanderia ecc).
Inoltre in questo momento di crisi economica e' sempre piu' difficile acquistare un appartamento.
Credo che creare ecovillaggi potrebbe essere anche un modo di rendere possibile l'acquisto di una casa con pochi soldi e un finanziamento. Con Banca Etica stiamo lavorando a un progetto e ci siamo resi conto che si potrebbe realizzare una casa veramente economica. Ci stiamo lavorando.
Ma per sviluppare un progetto simile e' necessario che si crei un gruppo di finanziatori iniziali. Potremmo realizzare un ecovillaggio che in parte proponga case chiavi in mano e in parte case da autoscostruire.
Il momento e' propizio anche dal punto di vista dei prezzi.
Abbiamo trovato varie opportunita' che si presterebbero a un simile progetto in modo eccellente. 
Le cubature ci sono gia' (anche se sono praticamente ruderi) quindi non ci sono problemi autorizzativi, in questo caso progetti e pratiche si sbrigano in pochi mesi. 
Inoltre abbiamo gia' fatto una mole di lavoro enorme per l’Ecovillaggio Solare di Alcatraz (studi, progettazioni, preventivi, struttura societaria, modalita' di finanziamento).
L’ipotesi sulla quale vogliamo aprire la discussione e' la seguente: si costituisce una Spa bloccata, che puo' compiere solo quelle specifiche operazioni decise nel progetto approvato dall’assemblea. L’amministratore delegato ha poteri limitati alla realizzazione delle decisioni dell’assemblea, cioe' non ha il potere di decidere qualche tipo di investimento o spesa che non sia nell’elenco delle uscite preventivate.
Si tratta di comprare, realizzare la progettazione, chiedere le autorizzazioni per il restauro, sistemare le strade, portare acqua, luce e telefonia ad alta velocita', e vendere gli appartamenti prima di iniziare i lavori. Cioe' non cerchiamo persone che vogliano poi abitare in questo secondo ecovillaggio ma persone che vogliano finanziare il processo iniziale di realizzazione.
Quindi l’idea riguarda chi e' interessato a investire denaro, senza dover comprare una casa.
Se tutto va bene concludiamo l’operazione in 3 anni, forse meno. Ma potrebbe anche essere che i tempi si allunghino di parecchio... In ogni caso credo che il terreno e le case, quando si compra a prezzo di rudere, in aree non sopravvalutate, mantengano il loro valore rivalutato rispetto all’inflazione. Possono cadere i prezzi nel Chianti, dove in alcune zone si superano, per un rustico ristrutturato, i 5mila euro al metro, non dove si parte da prezzi che per un rudere sono di circa un decimo.
Se ci fosse un gruppo promotore di persone disposte a fondare questa societa' con quote a partire da qualche migliaio di euro, potremmo pensarci.

Nella discussione che si e' svolta nei giorni scorsi su Facebook alcuni hanno proposto di prevedere anche partecipazioni all’investimento rateali (100 euro al mese, ad esempio) e la possibilita' di investire in questo progetto non denaro ma lavoro. Mi sembrano ottime idee.
Evidentemente si tratta di un investimento a medio termine ma potrebbe sortire un buon risultato.

Quindi, come gia' facemmo quando si inizio' a discutere del fotovoltaico, propongo un sondaggio senza nessun impegno, si tratta solo di una manifestazione di interesse per ricevere eventualmente altre informazioni.
(Se, in linea di massima, ti puo' interessare costituire con noi una simile societa', manda una mail a jacopo@alcatraz.it.)

Investire per creare Mamma Service, il primo servizio globale di consulenza esistenziale e lavorativa che ti permette di affrontare la crescente complessita' del mondo e l’enorme mole delle opportunita' che oggi ti offre.
       
L’idea parte dalla constatazione che la nostra societa', viaggia verso una crescente complessita'. Continuamente il cittadino si trova di fronte a scelte complesse, dall’acquisto del cellulare al contratto per l’elettricita'. Per non parlare dei problemi tecnici, burocratici, legali e fiscali. E quante difficolta' si potrebbero superare piu' agevolmente se fosse semplice trovare professionisti affidabili, informazioni complete, contatti produttivi?
Le persone che vengono ad Alcatraz hanno negli anni costituito una rete informale capace di produrre proprio questo: informazioni, contatti, referenze, consigli, consulenze.
Ecco che nasce l’idea di un’organizzazione commerciale che seleziona competenze e le offre a prezzi convenienti.
Alcuni spezzoni di questa idea ci sono gia' e funzionano: esistono aziende che offrono decine di consulenti, puoi farti un’idea generale su un problema con una telefonata di mezz’ora, ottenere un parere scritto o uno studio di fattibilita'. C’e' chi offre un ufficio con segretaria che risponde al telefono col tassametro; un ufficio virtuale che ti prenota i biglietti per il teatro o l’aereo, sbriga le commissioni, spedisce la posta. C’e' chi offre un allenatore psicologico, un consulente filosofico, un corso di inglese al telefono o via Skype.
Ma a queste idee ne abbiamo aggiunte molte altre, compresi servizi materiali con persone in carne ed ossa (che all’inizio saranno disponibili solo in alcune citta'. Si tratta di creare un servizio globale capace di indirizzare l’utente verso le consulenze che gli servono cullandolo e supervisionando il suo percorso. Cioe' parlarci, ascoltarlo, capirlo. Tutte cose che sappiamo fare benissimo… Chiacchierare…
Ma ecco altre idee:
A Milano c’e' il marito in affitto (ti aggiusta veramente il lavandino e la tapparella e ti cambia le lampadine. E non ti chiede niente di complicato in cambio).
Ma potremmo anche creare servizi analoghi in altri settori: il Professore da Viaggio che ti fa il ripasso di architettura durante la mezz’ora che passi in pullman prima dell’esame, via telefono, il servizio Mamma d’Emergenza che ti mette in contatto con un pool di mamme esperte e all’occorrenza con un pediatra. Il servizio Un Papa' Presentabile per le Grandi Occasioni (ne abbiamo di sinistra, di destra e di centro). 
E poi un consulente finanziario che da' solo consigli, non ti propone nessun prodotto, pero' ti sa dire se paghi troppo di assicurazione o di commissione. Ti dice anche dove trovi l’auto al prezzo migliore e quali hanno un buon odore.
Poi c’e' Emergenza Burocratica, un aiuto e consulenti affidabili nei rapporti con la pubblica amministrazione, la giustizia, le tasse. Spesso se sai le leggi li freghi. E se si mette brutta c’e' il servizio: Mi Incateno per Te, vengo io e mi lego ai cancelli di qualunque entita' sub umana ti rompa i santissimi immotivatamente.
E ancora abbiamo pensato al servizio Sveglia allegra. Ti telefona Eleonora alle 6,30 e ti racconta 20 buone notizie del suo club di Ottimiste Estreme su Facebook. Se non basta veniamo in 20 a chiedere al tuo capoufficio che cosa gli rode. Due opzioni: gruppo allegro di claun, oppure vestiti da operai della Breda cattivi con le macchie di grasso e di sugo sulla tuta blu. Tremendi!
Consigli culinari, tutoraggio telefonico, Cuoca Fantasma a domicilio (c’e' ma non sapresti dire dove).
Proposte di itinerari di vacanza.
Segnalazione di libri, film, musica, eventi artistici.
Lettura di un racconto per farti addormentare meglio (o non farti dormire MAI PIU’).
Realizzazione di qualunque tipo di oggetto stampato, biglietto da visita, maglietta, pannello, carta da parati, fotomontaggio, formaggio, decorazione o altro.
Realizzazione della tua biografia nella quale fai veramente la figura della grandissima eminenza dell’eccelsita' totale. La biografia e' correlata con le foto di te che incontri il Dalai Lama, il Lama, il Papa, Barbara Streisand, Obama, Gandhi, lo Spettro dell’Opera. Abbiamo pronta anche l’edizione in inglese, bosniaco e cinese.
Animazione per feste e funerali (funerali claun, si muore una volta sola, divertitevi!).
Ci sono poi una serie di servizi improbabili ma divertenti che possono servire per far parlare i media dell’iniziativa: ad esempio l’Ingelositore a Noleggio, l’Amica da Shopping e la Baby Sitter per Neo Divorziati e (essenziale) dove noleggiare un cammello per una gita a Cesenatico.
Ovviamente alcuni servizi che potremmo proporre sono solo un gioco ottimo per far parlare i giornali di questa impresa… L’importante e' che passi l’informazione che esiste un nuovo servizio che aiuta i cittadini a affrontare i problemi quotidiani in modo efficiente, creativo e professionale.
Come cominciare
Il primo passo dell’impresa e' quello di attivare numero di telefono a pagamento, simile ai vari 1240 o 1288, dove una cortese persona ti da' informazioni di tutti i tipi. Le differenze sostanziali con i servizi di informazione gia' esistenti sono 2.
1) Mamma Service ti dice quali sono i ristoranti buoni secondo le migliori guide sul mercato, i servizi esistenti invece ti dicono generalmente solo quali soni i ristoranti che hanno pagato per essere segnalati, comunque ti danno informazioni senza fornirti nessuna delucidazione sulla qualita'. A me non interessa sapere quali ristoranti nel raggio di 5 km sono clienti di un servizio di informazioni, voglio sapere dove si mangia veramente bene. Mamma Service entra nel merito della qualita': ti racconta dei migliori prodotti per rapporto qualita' prezzo traendo queste informazioni dalla rete e da guide cartacee (utilizzeremo tutti i servizi come Ciao.com che raccolgono recensioni dei consumatori).
2) Mamma Service non si limita a fornirti numeri telefonici e indirizzi. I nostri operatori hanno a disposizione una banca dati indicizzata che spazia in tutti i campi: hai a disposizione ogni momento un operatore capace di fare una ricerca sul web in qualsiasi direzione e fornirti subito qualunque servizio che sia acquistabile via internet. E se il tuo problema e' piu' complesso (ad esempio una consulenza legale) il nostro operatore ti fornisce il prezzo di quel particolare servizio, offerto da uno dei professionisti selezionati. 
Nella costruzione di questo progetto abbiamo investito gia' parecchio lavoro: e' operativo ormai da un anno il sito www.adomandarisponde.it che offre un servizio di consulenze di avvocati, commercialisti, notai, ingegneri, architetti, tecnici, esperti di varie discipline capaci di realizzare pareri e ricerche di qualita'. Si tratta di un punto di partenza che puo' rivelarsi prezioso nella fase iniziale fornendo gia' una massa critica di competenze selezionate, verificate e organizzate.
Ovviamente per realizzare un simile progetto servono manager in grado di coordinare il tutto, persone capaci di costruire modalita' di verifica della qualita' dei servizi e sistemi di garanzia per i clienti.
Si tratta di costruire per gradi una macchina capace di mettere in rete e promuovere le competenze di un numero sufficiente di persone, dotandosi di ufficio stampa, promotori, sito web, mailing list, sistema di pagamento via web o via telefono.
E per farlo serve un capitale iniziale che abbiamo valutato in 400.000 euro. Ovviamente si tratta di un investimento con un livello di rischio molto piu' alto del progetto “S.p.a. Ecovillaggio” in quanto non si tratta di investire in immobili e migliorie degli stessi, puntando sull’aumento di valore legato alla rivalutazione del patrimonio. Qui si tratta di credere alla possibilita' di successo di un’impresa commerciale come Mamma Service, che deve poi fare i conti con la risposta del pubblico.
L’obiettivo e' ambizioso, con un costo di gestione minimo a regime di 50.000 euro al mese.