Gli egoisti muoiono come mosche

Se ami, ridi e fai regali la tua vita sarà più lunga e piacevole.

Continuo nel mio tentativo di dimostrare che l’ideologia che fa della competitività e del potere sugli altri il centro della vita è una bufala spaventosa. Se la cultura dominante, che deifica la ricchezza e il potere, avesse senso logico i più ricchi e potenti dovrebbero vivere più a lungo. Ma non è così. E sarebbe una notizia da sparare in prima pagina.

Certo è assodato che i ricchi vivono più dei poveri.
Se abiti in uno sperduto villaggio africano dello Swaziland puoi aspettarti di vivere mediamente 32 anni, se stai in Italia 81 anni. Una spaventosa differenza! Ma al di sopra della soglia del benessere la differenza tra una persona economicamente florida e il multimiliardario è minima. Ce lo dicono i dati dell’Oms che attestano che uno scienziato o un artista hanno un’aspettativa di vita maggiore dei super ricchi. Perché non smettono di avere una vita sociale e un’attività creativa anche in tarda età.

Numerose ricerche hanno poi dimostrato che anche essere socievoli e ottimisti allunga la vita . Alcuni ricercatori dell’Università di Sendai (Giappone) hanno analizzato l’atteggiamento verso la vita di migliaia di settantenni dividendoli in due gruppi a seconda del loro livello di ottimismo-socievolezza. Dopo 10 anni sono tornati a vedere chi era ancora vivo. Tra i pessimisti incazzosi solitari c’era stato uno sterminio. Ovviamente ci sono le eccezioni. Andreotti ad esempio. Ma si può dire che Andreotti sia ancora vivo?
Al massimo è diversamente morto.
CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO