L’uomo che fece incazzare Berlusconi

Tutti i tribunali gli hanno dato ragione ma le sentenze restano inapplicate. Com’è possibile? Lo Stato italiano e l’Unione Europea non applicano le loro stesse leggi e non rispettano le loro stesse decisioni. Vergogna!
Nel 1999 D’Alema era al governo e si decise di regolamentare le frequenze televisive. Un bel concorso, ferrei criteri di idoneità… Ma a questa gara d’assegnazione appare improvvisamente un tipo strano, si chiama Francesco Di Stefano e presenta una pila enorme di documenti e fidejussioni miliardarie necessarie per ottenere le reti televisive. E vince la gara d’appalto! Si scopre invece che Rete4 non ha la documentazione in regola e la sua domanda deve essere bocciata. Quindi Di Stefano dovrebbe cominciare a trasmettere con la sua Europa 7 e Rete 4 chiudere.Ma non succede.
Come è possibile? Come è possibile che uno Stato Costituzionale non rispetti il risultato di una gara da esso stesso istituita? Lo chiedo a Di Stefano, che mi spiega che gli uomini di D’Alema e di Bertinotti in commissione votano contro Europa 7. E nessuno fiata. Siamo di fronte a un fatto gravissimo: lo Stato non rispetta le leggi. Ma non ci sono reazioni da parte dei media: silenzio di tomba.
Però Di Stefano è un tipo cocciuto.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO