Indice del blog, argomenti principali Tutto sullo Yoga Demenziale Fumetti, disegni, arte
Le notizie di Cacao I migliori video della rete, teatro, Jacopo Fo, Dario Fo Tutti gli articoli di Jacopo Fo

I Romanzi e le storie di Jacopo Fo

oooooOOOBAMA BARACK!!!

Mi sono commosso guardando questo video!

Obama è nero
la famiglia di suo padre è musulmana
quella della madre cristiana
ed è mancino
la gente balla in piazza in tutta l'America
mi dice un'amica che telefona da New York

Tutti mi dicono:"Sono contento!"

La nonna di Obama che muore il giorno prima delle elezioni.
Era necessario? E' mistico? E' simbolico?
E' un fatto epocale. Lo dicono tutti. Una volta tanto sono d'accordo con tutti.
Incredibile ma vero lo ha detto anche Bush: "Gli americani hanno fatto la storia!" Parla come un demente fino all'ultimo. Hanno fatto la storia a mettere una pietra tombale sulla tua criminale presidenza? Anche Berlusconi, si scopre, era con Obama. A Bush ha detto che era un grande uomo e lo amava. Ma ama anche Obama. Strepitoso. La destra dice alla sinistra: non cercate di sfruttare politicamente la vittoria di Obama. Ma come facciamo a non sfruttarla? Questa è la caduta del muro di Berlino del razzismo in Usa. Cazzoni, c'eravate voi a fare i cortei e le proteste a favore di Luther King? O eravate quelli che incitavate la polizia a bastonare i baluba?

87.600.000 di citazioni su Google per BARACK. Ottantasettemilioni di volte il nome di uno sporco negro. Come rido! Come rido! (Solo 39.400.000 per George Washington)
E come stanno soffrendo in questo momento i razzisti!
E quanti di loro, semplicemente abiureranno domani mattina al bar, bevendo il caffé: "Sono proprio contento che abbia vinto Obama."

Quando i capitalisti piangono

Il grande ritorno di Toni Barra, investigatore privato al servizio del Sindacato Metalmeccanici
di Jacopo Fo

Joon Libniez si era buttato dal trentaduesimo piano.
Era deceduto.
Paul White si era sparato alla testa con una pistola di grosso calibro.
Anche lui era morto.
Era prevedibile.
Lasciavano entrambi alcune centinaia di milioni di dollari di debiti.
I loro imperi si erano sbriciolati negli ultimi trenta giorni, travolti dal Grande Crack Finanziario.
Come la Grande Guerra, ma con piu' morti.
Ma almeno qualcuno pagava per i suoi peccati.
Questa era la novita' di questa crisi. Nonostante tutto il mio amore per il genere umano non riuscivo a versare lacrime per i poveri miliardari rovinati.
E’ autunno e i miliardari cadono dai grattaceli.
Pittoresco.
L’autunno dell’impero, un autunno da fantascienza. L’autunno che succedono cose impensabili.
Banche che falliscono? Enormi banche?
Questa volta non si sono limitati a fregare i poveretti, il parco buoi. Con la Parmalat e la Enron ci avevano rimesso solo i poveracci. Questa volta si sono scannati ai piani alti. Nell’Olimpo della finanza, nei salotti buoni. Hanno regolato odi antichi, questioni di corna, brevetti rubati, immobili in Kuwait, figlie che avevano perso la verginita', miniere in Sud Africa.
Avevo il sospetto che pero', anche questa volta, i super mega potenti, la' all’attico, non stessero li' a contare i feriti. Ai piani altissimi si salvano sempre. O almeno quasi sempre. Ogni cento anni ne prendono un po’ e tagliano loro la testa. Quelli non si salvano.

Comunque ero di buon umore.
E avevo continuato a sentirmi proprio bene anche quando Sacco e Vanzetti si erano presentati al bar dove stavo facendo colazione dopo aver accompagnato a scuola la piccola Engels.

Buoni Pompini a tutti.

A proposito del valore umanitario della fellazio, delle sue implicazioni culturali e religiose e del persistente disprezzo verso le donne capaci di donare piacere e delle intercettazione delle conversazioni tra Berlusconi e Confalonieri.

Se avessimo modo di ascoltare le registrazioni dei dialoghi tra Silvio Berlusconi e i suoi ministri e Confalonieri Fedele, potremmo discutere quel che ha detto. Ma Silvio ha deciso che preferisce rinunciare a far sentire queste intercettazioni telefoniche. Quindi possiamo discutere solo di quel che si dice che ci sia in queste intercettazioni. E per inciso vorrei notare che Silvio sta facendo una grossa cazzata perché non pubblicando i testi veri sta dando la stura a una valanga di calunnie e bassezze. E il fatto che preferisca queste illazioni volgari alla verità fa sospettare agli sprovveduti italiani che veramente nelle registrazioni ci siano frasi allucinanti e irripetibili.
Ora quindi, a prescindere dalla verità, che lascia il tempo che trova ormai, vorrei commentare un passo delle intercettazioni fantasma, che viene ammanito su 2000 blog faziosi.
Si tratta di un passo che ha comunque un enorme valore psicanalitico per capire, se non la mentalità di Silvio almeno quella degli italiani che si sono inventate queste parole, cioè si tratta comunque di un indicatore psicologico estremamente interessante.
Secondo i pettegolezzi Silvio, parlando con Confalonieri avrebbe stilato la classifica delle ministre e sottosegretarie più brave a fare i pompini, e siccome risultava che la meno dotata esteticamente fosse la più abile, il Presidente del Consiglio, Cavaliere, Unto dal Signore, conclude ridacchiando: lei è la più brava, più sono cattoliche più sono troie!
Insomma si insinua che Silvio sia un vero Principe.
E qui, ci troviamo di fronte a un caposaldo della cultura italica che unisce buona parte di destra e sinistra.

E meno male che era depresso!

Juan Riveraz, 27 anni, disoccupato, soffriva di depressione cronica. Una malattia che non e' facile che ti venga diagnosticata quando vivi con meno di due dollari al giorno. Generalmente se uno e' povero al massimo gli dicono che e' giù di morale perche' non mangia. Ma Juan Riveraz, da questo punto di vista era stato fortunato. A San Francisco, un villaggio nel Nord dell’Honduras a ovest di San Pedro Sula, sotto La Celba, era finalmente arrivato un ambulatorio gratuito e una giovane dottoressa l’aveva visitato con attenzione, lo aveva ascoltato a lungo e quindi aveva scritto una diagnosi impeccabile.
Ma da li' a poco la vita di Juan avrebbe subito uno scossone. Da anni era fidanzato con Julissa Sasime, una ragazza che amava fin dall’adolescenza, ma senza un lavoro non poteva pensare di mettere su casa con lei. E questo era per lui un ulteriore motivo di tristezza. In un giorno di piogge torrenziali, con le strade diventate fiumi, Julissa, ragazza minuta, scompare. 

Ero morto. A volte mi capita.

Romanzi Jacopo Fo Morbide GalassieMa quella volta li' sembrava fosse in modo definitivo.
E posso dire che e' proprio come dicono quelli usciti dal coma.
Esci dal corpo, sei ancora tu, ma in forma di anima-ologramma. C’e' un sacco di luce. E se non ti spicci perche' sei pieno di attaccamento a causa dei tuoi crimini, arrivano i lupi neri e ti divorano e poi fai una brutta fine, tipo inferno o qualche cosa del genere.
Io sono sempre stato una brava persona, al di la' di qualche scorrettezza sentimentale e di un paio di calci e pugni che ho tirato da ragazzo.
Oddio, una volta avevo un bastone in mano.
Ma poi mi sono pentito sinceramente e per i restanti 30 anni mi sono comportato bene.
Cosi' quando sono morto, dopo le luci da seguire e il coro degli angeli mi sono trovato a Draghistone, come qui chiamano questa parte del mondo dall’altra parte.
Che non e' il Paradiso, come pensano alcuni.
Più che altro e' un mondo parallelo, che vive negli istanti in cui il mondo dove vivevo quando ero completamente vivo in carne ed ossa non esiste (la realta' materiale esiste in modo alterno. Un istante c’e', un istante non c’e'. Quando hai un corpo non te ne accorgi perche' tu ci sei solo quando il mondo c’e' e questo ti da' una sensazione di continuita' dal tempo. Ma e' un’illusione dei sensi).
Nell’altro mondo sei vivo ma relativamente incorporeo.
Ma non e' vero che passi attraverso le pareti. Puoi farlo ma e' estremamente sgradevole e molto pericoloso.
Ma non voglio annoiarti con le questioni tecniche.

Italia, 2010, risolto il problema delle precarie.

Oggi il governo Berlusconi ha promulgato un decreto legge molto atteso.
Si tratta del progetto ormai ben noto con il nome di “Editto delle Precarie”, che prevede che i figli maschi delle mille famiglie più ricche d’Italia sposino ognuno  diecimila precarie a testa.
In questo modo, ha spiegato il Presidente del Consiglio, risolveremo il problema del precariato femminile.
Incrociando gli archivi dell’anagrafe con quelli dell’Erario i tecnici del Ministero del Lavoro hanno calcolato che le mille famiglie più ricche d’Italia abbiano complessivamente 647 figli maschi al di sotto dei 50 anni. Sposando quindi 10 mila precarie ciascuno avremo che 6 milioni e 470.000 precarie non avranno più nessun problema economico.
Eventuali precedenti matrimoni saranno da sommare ai 10.000 che andranno obbligatoriamente contratti.
Al matrimonio possono, ovviamente, accedere invece solo le precarie nubili o divorziate.
Il decreto legge stabilisce inoltre che in futuro tutti i maschi figli delle 1000 famiglie più ricche d’Italia dovranno sposare 10mila precarie il giorno successivo al loro diciottesimo anno.
I 647 figli delle 1000 famiglie più ricche d’Italia non avranno l’obbligo di giacere carnalmente con tutte e 10.000 le spose, in questo il governo Berlusconi ha seguito gli auspici espressi dall’ala cattolica del suo partito che considera eccessivo un accoppiamento con cosi' tante partners e inadatto anche dal punto di vista igienico sanitario.

Canzone elettorale

Vorrei avere una sorella
molto bella
che Berlusconi
la vede e perde i bulloni
dei neuroni.
Perde il controllo
del cervello
perche' pensa solo a quello
e poi telefona a Sacca'.
E gli fa:
Sacca' Sacca'
Trovami una parte per questa qua
Voglio vederla ballare il cha cha cha
a Cinecitta'
Perche' e' morbida come un baba'.
Ah Ah Ah

E Sacca' che fa?
Non resta fisso come un baccala'
Sacca' lo fa. Lo fa, lo fa.
Perche' Sacca' ch’adda’ fa’?
Ch’adda’ fa’?

Vorrei avere una sorella
con le tette gonfie come le vele di una caravella
Una sorella che quando la vede Berlusconi
per poco non gli vengono le convulsioni.
Che a lui le tette
gli piacciono a vagoni.
E poi telefona a Sacca'
E gli fa:
Sacca', mi hai trovato una trasmissione per questa qua?
Ma hai visto che tette che ha?
Sacca' svegliati!
Ah Ah Ah

E Sacca' che fa?
Sacca' lo fa. Lo fa, lo fa.
Perche' Sacca' ch’adda’ fa’?
Ch’adda’ fa’?

(Coro femminile)
Un amore sincero
Pagato in nero
Un rapporto orale
Non e' illegale
Prendi la tangente e fai finta di niente
e' un peccato veniale
La concussione sessuale

Vorrei avere una sorella
Con le tette sode come mortadella.
Che Berlusconi la vede
e si scioglie come pastella.
E poi mia sorella gli dice nell’orecchio:
tesoro non e' che potresti dare un aiutino
anche al mio fratellino?
Cosi' Berlusconi telefona a Sacca'
E gli fa:
Ma lo hai visto questo qua?
Devi farlo lavora'.
Ah Ah Ah

E Sacca' che fa?
Sacca' lo fa. Lo fa, lo fa.

Hai bisogno di un uomo con un colapasta in testa.

Canzone esistenziale

Cosa ti serve in questo momento?
Qual e' la tua esigenza primaria?

Hai bisogno di un uomo con un colapasta in testa.
L’anima
Triste e tesa
Piena di rabbia
Ti senti in bocca la sabbia

Sono qui da molto tempo
Ho visto bene
Come gira
e va male

Ci sono troppi tipi tristi
Con i musi lunghi e mesti
Troppa paura
La faccia scura
La bocca dura
La testa piena di mura

Al mondo ci sono troppi fuori di testa
che hanno paura della festa

mangi pasta e paura
coi morti in tv
poi senza droghe
non dormi piu'

Ma adesso basta
Basta con la pasta adesso
Basta con la solita minestra
Voglio solo sesso adesso
Sesso e basta

Mi metto in testa
Lo scolapasta
Mi vesto come un rasta
Vado per la strada e ballo
e abbraccio
la gente
che passa

(coro)
la lotta ti chiama
la lotta totale
contro questa torre del male
mala gente che non ride.

Salva la bimba che piange perche' ha fame,
ferma la bomba che cade sulla scuola.
Usa la lotta che ride 
La lotta che scherza
che non si prende sul serio
La lotta che pensa piano
La lotta con un fiore in mano
La lotta che non fa male
La lotta che non soffre
La lotta che rimbalza
Che cade e si rialza
E canta
La lotta
che toglie la paura dalla terra
perche' e' la paura la madre della guerra
le persone serie
sono la peste
le nostre bombe sono le feste!

La lotta che non cambia
un re con un altro
questa e' la lotta che cambia
la forma della mente
mangi pasta e paura

L'ultima domanda era sbagliata. Capitolo secondo

Jacopo Fo
C'e' chi sbaglia le risposte e chi sbaglia le domande. Io sbaglio comunque.

Capitolo secondo

Quando, ore dopo, giungemmo alla Fondazione ero completamente pazzo di lei.
Ma dovetti rimandare gli sviluppi del mio corteggiamento e rintuzzare la mia esuberanza perche’, quando scendemmo dal piccolo autobus che era venuto a prendere alla stazione di Magione noi due e un’altra decina di nuovi arrivati, ci trovammo nel pieno di un’emergenza.
La Fondazione si trova sul fianco di una collina, in mezzo ai boschi, una decina di costruzione di pietra o intonacate e ricoperte di pitture e due cupole, anch’esse intonacate e dipinte.
Ci ero gia’ stato una volta e me la ricordavo come un posto tranquillo. Ora molte di persone, almeno un centinaio, stavano, con la faccia tesa, di fronte alla costruzione principale, la cupola che ospitava la palestra. Alcuni urlavano, altri cercavano di calmarli.
Ci avvicinammo chiedendo cosa fosse successo. Un ragazzo con i capelli castani da rasta ci informo’ della situazione: “Un pazzo ha sequestrato Laudadio, ha una pistola e minaccia di ucciderlo se non ci impegniamo a costruire la sua invenzione.”
Laudario era il rettore della Fondazione, avevo letto un paio di suoi libri ma non lo avevo mai incontrato. Proprio in quel momento si intensifico’ il vociare nel punto di quell’assembramento. Dal tono delle voci ebbi la sensazione che fossero raccomandazioni. Poi quattro ragazze si allontanarono dirigendosi verso una casetta dipinta che stava a fianco della cupola.
Calo’ il piu’ totale silenzio.

L'ultima domanda era sbagliata.

Jacopo Fo

C'e' chi sbaglia le risposte e chi sbaglia le domande. Io sbaglio comunque.

Retrocopertina
C'e' un miliardo di esseri umani da salvare ma non sembra che a molti interessi riuscirci veramente.
Soprattutto quelli disposti a qualunque cosa per un brevetto, compreso violare tutti e 10 i comandamenti in modo fazioso e umido.
Il momento e' topico. Le ragazze sotto sono tutte nude e gli ormoni fanno strani scherzi ai maschi.
Ma io riusciro' a portarti via di qui.
Saliremo in macchina e andremo dritti fino a quando non si staccheranno le ruote.
Lo faremo perche' e' scritto e perche' non c'e' nient'altro che desidero.
E sono disposto a tutto fino all'ultimo respiro.
Da quando ti ho incontrata ho finalmente scoperto qual e' la domanda.
Per le risposte abbiamo tempo da qui all'eternita'.

THRILLER

Condividi contenuti