Indice del blog, argomenti principali Tutto sullo Yoga Demenziale Fumetti, disegni, arte
Le notizie di Cacao I migliori video della rete, teatro, Jacopo Fo, Dario Fo Tutti gli articoli di Jacopo Fo

Dario Fo - Gesu' e le donne

Care lettrici, cari lettori
questa settimana vi presentiamo un magnifico libro di Dario Fo, dal titolo "Gesu' e le donne".
Si tratta di un grande volume-strenna di oltre 300 pagine di grande formato dove il premio Nobel ci racconta, anche con decine di disegni e tavole a colori,  la storia di Gesu' con particolare riferimento al suo rapporto con il mondo femminile.
Nel corso di molti anni di ricerche, Dario si e' reso conto che esistono una serie di equivoci e distrazioni non sempre casuali nella lettura del Vangelo. Tra le varie mistificazioni che si sono prodotte, la piu' eclatante e' stata quella di occultare, o far sparire del tutto, la presenza delle figure femminili dalla vita di Gesu'. Soprattutto attraverso lo studio dei Vangeli apocrifi e delle immagini dei primi secoli del Cristianesimo si scopre al contrario non solo la loro costante presenza al fianco del Messia, ma anche la predilezione che aveva per loro e la rivoluzione che egli ha operato dando a esse dignita' e parita' in una societa' misogina come quella in cui viveva.
Lo studio della relazione tra Gesu' e le donne assume in questo libro i tratti illuminati e visionari ritmo e i gesti, gli accenti e l'intonazione di uno spettacolo teatrale. Come dice il Maestro: "Personalmente sono convinto che Gesu' sia esistito davvero e che possedesse straordinarie doti di fabulatore. Come avrebbe potuto altrimenti catturare l'attenzione appassionata di migliaia di uomini e donne, per non parlare dei bambini? Le folle non lo seguivano solo per i suoi miracoli, ma per la commozione e la gioia che sapeva comunicare con le sue storie. Di San Francesco si diceva che 'di tutto el suo cuorpo facea parola'. Questo valeva anche per Gesu'. Egli porto' ai disperati l'agape, ovvero l'amore, e di questo amore gran parte ne regalo' alle donne."

Vi anticipiamo un breve brano del libro... ma non avete idea della meraviglia.......
Grazie e buona lettura


Dario Fo
Gesu' e le donne

Per offrire un'idea reale dell'ambiente in cui predicava Gesu', dobbiamo chiarire meglio l'importanza che nel coro dei seguaci avevano le femmine. Le donne, insieme ai diseredati, soffrivano,in quel tempo di profonda decadenza, si una mortificante emarginazione.
Peraltro, dall'invenzione della proprieta' in poi, la societa' vincente dei maschi ha fatto l'impossibile per segregare il mondo femminile ai gradini piu' bassi, in soggezione, cancellando quella forma di convivenza originaria che poneva entrambi dentro l'ellisse cosmico di cui la donna era il nucleo vitale. Originariamente non era cosi': infatti, in ebraico e in arabo, la parola misericordia ha la stessa radice di utero, cioe' la fonte della vita nuova. Per cui la donna e' la fattrice, e nelle scritture primordiali e' il primo essere a venire al mondo. E anzi, nelle religioni matriarcali addirittura Dio e' femmina. Ne troviamo tracce evidenti nella figura della dea greca Gea o nella Kali' indiana, creatrici successivamente spodestate da divinita' maschili e rissose. Ugualmente nella tradizione mediorientale piu' antica, quella dei sumeri (l'epopea di Gilgames), troviamo gia' i miti fondamentali che poi confluiranno nella Genesi biblica, e troviamo la dea madre Mah, colei che stabilisce i destini.
Traccia di questo perduto rispetto per la donna la troviamo anche nella consuetudine di considerare ebreo chi ha madre ebrea, a prescindere dall'origine etnica del padre. E questo principio veniva seguito anche nel caso in cui la madre avesse subito violenza sessuale. Gli ebrei, popolo avvezzo a essere dominato e vessato, riconoscono che se una femmina ebrea subisce stupro da uomini di razza ostile, il figlio che la donna genera e' sempre ebreo, poiche' nato da utero di madre ebrea.
Rispetto ai vari movimenti che nascevano e si esaurivano in quel tempo nei domini romani, la novita' era costituita dalla presenza, tra i discepoli di Gesu', di uno straordinario numero di donne a lui devote.
Ma come vivevano, che collocazione sociale avevano le femmine all'epoca?
Cominciamo con il ricordare che l'obbligo del velo per le donne cristiane in tutto il Medioevo e ancora fino a qualche tempo fa nelle societa' rurali proviene direttamente dalla cultura ebraica, che ritiene indegna una femmina che si presenti in pubblico a capo scoperto, "poiche' i capelli al vento sono veicolo di provocazione sessuale" (destavano desiderio negli uomini).
la classica lascivia del capello sciolto!
Le donne ebree dovevano evitare rapporti sessuali dopo il parto per quaranta giorni se il neonato era maschio, il doppio se era femmina (maggiormente impura).
....

Acquista subito (45 euro) su CARRELLO ONLINE

Tutti i libri di Dario Fo sono in vendita online su
http://www.commercioetico.it/libri/dario-fo-e-franca-rame.html