Scoppia Piramidi Sporche! Non le hanno costruite i faraoni! Egittologi venduti!

La grande truffa delle piramidi libri jacopo foLa truffa planetaria non riguarda solo Moggi, la Juve, le banche e tutto il resto.
Anche la storia è truccata. Un complotto di egittologi, ad esempio, difende il potere dei baroni universitari trincerandosi dietro a teorie ormai superate. E questo complotto criptofaraonico prospera anche grazie all'appoggio di Focus, la Macchina del Tempo e Discovery Channel che truccano le moviole.
Riassumiamo qui le evidenze storiche.
1- Le mastabe (definite ufficialmente tombe) che si trovano nei pressi della Sfinge, e la Sfinge stessa, hanno le basi corrose dall'acqua (forme arrotondate e non intagliate dal vento). Quindi vanno retrodatate a almeno 6000 anni a.C. quando ancora la zona veniva periodicamente allagata dallo straripamento del Nilo.
2- Le mastabe sono parallelepipedi di pietra massicci, dal tetto parte un pozzo che raggiunge una cisterna. Simili costruzioni erano efficienti sistemi per pescare acqua pulita all'interno di una palude: la massa di terreno tra la palude e il pozzo fungeva da filtro potabilizzatore. Sistemi simili erano usati, fin dal neolitico, in molte parti del mondo.
3- Si trovano grandi piramidi solo nelle aree che erano paludose intorno al 6000 aC. lungo grandi fiumi o laghi, in Sud America e Indocina.
Queste piramidi hanno forma tronca e una costruzione di pietra in cima. Altre piramidi si trovano in Cina, in nessun caso sono a punta. Questo accade solo in Egitto. Nella maggioranza delle piramidi di tutto il mondo è tuttora visibile un pozzo che finisce generalmente in una cisterna sotterranea. E' evidente che sia stata una cisterna per la presenza di erosione determinata chiaramente dall'acqua. Tutte le grandi piramidi del mondo sono poste in pianura e circondate da uno scavo cinto da argini che sembra proprio un bacino idrico per accumulare acqua da potabilizzare nel periodo secco quando le acque si ritiravano. Quindi le piramidi erano mastabe molto grandi: filtri per l'acqua e rialzi sui quali riparare il cibo e dormire durante la stagione delle inondazioni. Probabilmente furono ampliate e alzate, a scopo difensivo, durante le prime invasioni dei guerrieri allevatori, che in Egitto iniziarono ad arrivare intorno al 3500 aC..
4- La mia ipotesi che anche le piramidi egizie furono costruite con forma tronca dai contadini-pescatori che vissero in Egitto dal 9000 a.C..
Questi popoli neri, matriarcali, provenienti dall'Africa centro orientale (etnia San) erano tutt'altro che primitivi, non erano conquistatori ma migravano unendosi con le popolazioni che incontravano e diffondendo l'agricoltura e la passione per la costruzione di canali per irrigare e dove allevare pesci. Raggiunsero non solo l'Egitto ma anche l'India e l'Indocina, dove troviamo loro traccia negli attuali Shan. Mischiandosi con altre popolazioni ancora diventarono Shang in Cina e lì realizzarono lo scavo di centinaia di chilometri di canali e il terrazzamento delle colline che divennero risaie.
E manufatti Shang sono stati trovati in Messico presso insediamenti Olmechi. La lingua San è stata usata per tradurre l'olmeco e sono San le radici dele parole indoeuropee e cinesi relative all'agricoltura (a proposito di queste migrazioni vedi gli studi genetici di Cavalli Sforza).
In Egitto i San, mischiati con altre etnie, abitavano in case di pietra o di argilla, scolpivano statue enormi di Dee con tratti realistici, vasi di pietra lavorati con eleganza e verso il 5000 aC iniziarono a scrivere e a fondere i metalli.
Queste popolazioni realizzarono nell'arco di 6000 anni colossali opere idriche: migliaia di chilometri di canali e argini. Arrivarono addirittura a scavare un canale artificiale lungo centinaia di chilometri per scaricare le acque del Nilo nella depressione naturale del Fayun quando la piena era troppo violenta. Grazie a questi lavori ciclopici strapparono al Nilo chilometri di terra coltivabile, restringendo il letto del fiume e rendendolo molto più profondo. Quindi avevano la capacità economica e tecnologica per intraprendere opere della misura delle piramidi.
Questo lavoro di bonifica dei terreni lungo il Nilo, insieme alla diminuzione delle piogge, portò al restringersi dell'area che ogni anno veniva allagata. I villaggi su mastabe e piramidi tronche restarono all'asciutto, lontano dalla riva del fiume, e vennero abbandonati perché ormai inutili.
I faraoni, guerrieri-allevatori, riuscirono alla fine a conquistare l'Egitto verso il 3000 a.C. E il primo faraone vide la grande opera di bonifica realizzata nei millenni da quei popoli e ordinò agli storici: "Dite che tutto questo l'ho costruito io in una settimana!" E siccome gli storici erano dei Moggi obbedirono. Ma solo un deficiente ci crederebbe.
Dopo qualche tempo i faraoni decisero di appropriarsi anche delle piramidi abbandonate, trasformandole in simboli del loro potere. E per far questo le modificarono, da piramidi tronche a piramidi a punta. Così si rubarono il merito di averle costruite.
A riprova di questo furto un'anomalia storica altrimenti inspiegabile: le piramidi più antiche sono le più grandi. Parallelamente allo sviluppo economico dell'impero la misura e la qualità costruttiva delle piramidi diminuisce. Avrebbe dovuto succedere esattamente il contrario!
Invece tutto diventa logico nella mia ipotesi: le piramidi più belle se le accaparrarono i primi faraoni, gli ultimi si devono accontentare degli scarti. Quando non ci furono più piramidi libere nessuno né costruì altre così grandi. E i faraoni spostarono le loro tombe nella Valle dei Re. Anche qui però si limitarono a appropriarsi degli enormi spazi scavati nella roccia da generazioni di contadini-pescatori che avevano là le loro abitazioni, le cisterne per l'acqua e i magazzini. Avevano vissuto e scavato nell'era delle grandi piogge e poi avevano abbandonato quei luoghi seguendo lo spostarsi delle rive del Nilo.
Guardate la Valle dei Re confrontandola con Matera. Anche qui ci troviamo davanti a un'opera immensa giustificabile solo con la presenza millenaria di un insediamento di appassionati dell'idrica con un'enorme capacità di cooperare.
5- Non esiste nessuna prova storica del fatto che i faraoni abbiano costruito le piramidi. Lo dicono unicamente gli scriba dei faraoni (gente come Biscardi). E anzi recentemente gli egittologi ufficiali del Cairo hanno trovato una pietra con una scritta in proto-geroglifico in fondo a un cunicolo di ventilazione della piramide di Keope. Perché mai i faraoni avrebbero dovuto lasciare un'iscrizione dentro la piramide in una scrittura precedente alla loro cultura, usata dai popoli da loro sconfitti e a quel tempo ormai in disuso da secoli?
6- Nei geroglifici più antichi (inizio del dominio dei faraoni) la parola "granaio" si scrive disegnando la sezione di una piramide con due canali alla base. Sembrerebbe una piramide tronca al centro di un bacino. Perché disegnare così un granaio quando a quel tempo avevano una forma ben diversa? Non potrebbe essere un ricordo della forma originaria dei depositi per il cibo posti sulle piramidi tronche?
7- Da anni gli egittologi ufficiali sostengono che i blocchi di pietra delle piramidi siano stati trasportati lungo il Nilo galleggiando su imbarcazioni o zattere. Poi però si sostiene che li abbiano tirati fuori dall'acqua e trascinati a braccia fin sulle piamidi. Ma perché?
Da anni molti sostengono che avrebbero potuto sollevare i blocchi di pietra enormi (che già galleggiavano sul Nilo) attraverso un sistema di chiuse come quelli che ancora si usano per risalire i canali con le barche. Questi sistemi di chiuse potevano essere costruiti all'interno dell'area della piramide e innalzati via via che la costruzione saliva. Avrebbero anche potuto costruire tubature d'argilla cotta in grado di portare per caduta l'acqua in quota.
E guarda caso ancora oggi tutte le piramidi oltre a trovarsi al centro dei bacini artificiali sono collegate al punto dove 5-6000 anni fa arrivava il Nilo, da strade protette da mura che potrebbero essere l'evoluzione di antichi canali.
Leggi i primi tre capitoli de La grande truffa delle piramidi.
La Vera Storia del Mondo in dvd.

 


Commenti

Ma così.. distruggi uno dei pochi miti che credevo indistruttibili!!
:(


I can't understand why people are frightened of new ideas. I'm frightened of the old ones.
"Io non riesco a capire perchè la gente è spaventata dalle nuove idee. Io lo sono da quelle vecchie."
John Cage (1912 - 1992)

non scoppia niente caro Fo da decine di anni girano idee e date simili alla tua. Storici egittologi teologi studiano sempre sugli stessi libri e se ripeti quello che dice il libro sei un dotto altrimenti uno scemo ...e poi hai i titoli per poter parlare? io no.
Esempio storico 20000 30000 gli uomini vivevano seguendo le mandrie e raccogliendo bacche selvatiche. allora non si spiega come mai Cittadella in provincia di Padova sia nata proprio in quegli anni. costruirono il fosso trovarono la roccia forarono anche lo strato roccioso da cui zampilla ancora oggi l'acqua. c' era sempre qualcuno che aveva strani hobby ciaomario

Dieci anni or sono, lessi un libretto di poche pagine e dal prezzo esagerato per una stampa e rilegatura tanto parca: 13.000£ per una settantina di paginette edite da "STAMPA ERETICA ALTERNATIVA".
Il titolo è: "CHI HA VERAMENTE COSTRUITO LE PIRAMIDI E LA SFINGE", gli eretici autori, immaginate un po'? ROBERTO GIACOBBO e RICCARDO LUNA, l'anno, il '97.
Argomento?...provate ad indovinare?

Neanche a farlo apposta ho letto questo articolo proprio ora, al mio rientro dalla Bosnia. Sono stato a Visoko e ho potuto filmare gli scavi che, secono gli archeologi locali, dimostrerebbero l'esistenza di piramidi antichissime vicino Sarajevo. Se così fosse, cambierebbe la storia dell'intera Europa. Non so se è vero, ma so di per certo che hanno trovato qualcosa di grosso e già visibile.

Domani vado alla sorgente del Po e dichiaro al mondo intero che i Padani vengono da un'antica civiltà proveniente dallo Spazio e Bossi è l'ultimo dei loro discendenti...chissà se i media mi prendono sul serio come hanno fatto con Osmanagic :-)

The Bosnia-Atlantis Connection

Bosnian "Pyramids" Update

Ciao neodaniel,

Sono il moderatore di http://www.bosnian-pyramid.com.
Sarebbe possibile avere più informazioni in merito al filmato che hai fatto a Visoko? La mia e-mail è: Hyperborean@bosnian-pyramid.com

Ringrazio anticipatamente e ti saluto!

Hyperborean
Moderator at: http://www.bosnian-pyramid.com

Ciao NeoDaniel, ho letto solo ora il tuo commento caso strano proprio mentre sto organizzando di patire verso metà agosto per Visoko. Nella disperata e difficile ricerca di notizie per affrontare il viaggio (peraltro siamo ancora indecisi se affrontarlo tutto in macchina o se provare itinerari alternativi...), avrei davvero un paio di domande da farti se puoi aiutarmi...!!!
Nel caso invece di postarle qui (magari a qualcuno non frega nulla di trovare da dormire a Visoko...) sarei ben lieto di poterti contattare via mail...
Intanto Grazie mille!!!

Marco Fava

Vincerai il nobel??
Immaggino come stava bene l'egiziano che per scappare dal diluvio si sedeva sulla punta della piramide...piu' che visibile dalla luna diventava ascoltabile dalla luna....
A che servono centinaia e centinaia di studiosi?? Chiedetelo a Jacopo, vi spieghera' pure come l'anno costruita...calcare... e il granito della camera del re? E quello che viene chiamato sarcofago, che nessuno ancora oggi sa come sia stato possibile realizzarlo a che serviva?? A farsi il bagno con l'acqua che riuscivano a produrre...scommetto che era calda....come quella che hai scoperto...